Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1334
RAGUSA - 10/08/2014
Attualità - Soddisfazione di tutte le parti in causa

A ferragosto chiudono i centri commerciali

Inversione di tendenza rispetto al caos degli scorsi anni Foto Corrierediragusa.it

A Ferragosto i centri commerciali chiudono. E´ la decisione assunta in modo unitario dai rappresentanti di categoria e dei sindacati ed i titolari dei centri commerciali presenti sul territorio. Non ci saranno dunque polemiche e contrapposizioni tra datori di lavoro e personale come si è verificato già in occasione del periodo festivo natalizio e per il Lunedì dell´Angelo. La decisione è stata anche favorita dalla constatazione che le condizioni meteo non avrebbero comunque favorito la presenza dei consumatori nei centri commerciali ma anche da una presa di coscienza più matura soprattutto da parte dei titolari dei centri commerciali che hanno costituito finora lo zoccolo duro del settore commerciale. Alla riunione convocata presso la sede Ascom hanno partecipato il presidente sezionale di Ragusa, Salvo Ingallinera, il responsabile Giuseppe Campo, il presidente dell’Ascom di Modica, Giuseppe Barone, i rappresentanti dei centri commerciali delle due città (Le Masserie Ragusa, Gruppo Ergon, Bruno Euronics Modica) e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria. Dalla riunione è emersa la volontà di istituire un tavolo tecnico a cui invitare, dopo la pausa estiva, anche altri soggetti interessati all’argomento.

«Esprimiamo appieno la nostra soddisfazione per l’esito di questo primo incontro – dicono Ingallinera e Barone – che ha ottenuto come risultato la chiusura per il Ferragosto, scelta a cui hanno aderito i rappresentanti dei centri commerciali partecipanti. Altrettanta soddisfazione per il fatto di avere convenuto assieme ai sindacati di formalizzare questo tavolo a partire dal mese di settembre, a cui auspichiamo partecipino anche i rappresentanti delle strutture che stavolta non erano presenti e comunque operanti in entrambe le città».