Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:41 - Lettori online 1379
RAGUSA - 30/07/2014
Attualità - I gestori dei locali notturni hanno vinto la battaglia ma non la guerra

La movida notturna e le visioni diverse

Il ricorso era stato formalizzato dalle ditte Underground, Sunrise, Made in Sun, Food e Service, C&C Foto Corrierediragusa.it

Hanno vinto la battaglia ma non la guerra i titolari di cinque esercizi commerciali di Marina di Ragusa che avevano dato mandato ai loro legali di presentare ricorso al Tar contro l´ordinanza del sindaco che limita gli orari delle emissioni sonore nella frazione: il giudice hanno accolto la sospensione del provvedimento amministrativo in attesa di una seduta collegiale. Seduta che però sarebbe prevista per il 24 settembre, a stagione estiva già ampiamente conclusa. Pare anche che sia intenzione della giunta rispondere con una memoria difensiva e quindi riportare al rispetto dell’ordinanza.

Autoregolamentazione, vandalismi e preoccupazione. Nel centro di Marina sono diversi e contrapposti i sentimenti di villeggianti e titolari di locali pubblici dopo l´ordinanza del Tar che ha sospeso l´ordinanza anti rumore del sindaco. Il comitato Pro Movida ha voluto subito mettere le coese in chiaro allontanando ogni dubbio: "Condividiamo il rispetto delle previste norme esistenti sull´attività commerciale ed in particolare contro il disturbo acustico se le stesse, però, sono regolamentate dal sindaco secondo quanto stabilito dalla legge. L´esercente che dimostrerà di avere adottato tutti gli accorgimenti previsti dalla legge, al fine di non recare alcun disturbo alla quiete pubblica, potrà continuare la diffusione musicale durante l´attività commerciale. Si ribadisce che il comitato vigilerà ad ogni passaggio istituzionale di tutti gli enti preposti che riguardi ogni attività posta in essere a Marina di Ragusa. Il comitato auspica, invece, un controllo maggiore delle forze dell´ordine in un´area, quella di Marina di Ragusa, di alta affluenza turistica che, specie nelle ore serali, è frequentata da numerosi giovani e turisti. Dal comitato sarà predisposto ogni accorgimento necessario al fine di garantire il minore disturbo alla quiete pubblica, così si auspica che le istituzioni preposte siano in grado di controllare il territorio da atti vandalici perpetrati da ignoti che nulla hanno a che fare con il divertimento sano di tutti, giovani e meno giovani. Tutto ciò a tutela anche degli esercenti di Marina di Ragusa che con le loro attività commerciali, sia di giorno che di notte, garantiscono lavoro per se stessi e per numerosi giovani disoccupati incrementando, notevolmente, anche l´attività turistica del luogo". Autoregolamentazione dunque, nessun eccesso e musica nei limiti tollerabili anche se i residenti, viste le passate esperienze ci credono poco e lamentano la mancanza di controlli efficaci. Proprio nel corso della prima notte in cui è stata sospesa l´ordinanza del sindaco un atto di vandalismo gratuito si è verificato in un dei lidi della frazione marinara all´interno del quale è stato divelto il gazebo dove vengono custoditi i pedalò ed i surf. Al lungomare alcuni cestini portarifiuti sono stati riversati sul selciato ed alcuni divelti dalle postazioni. E´ l´effetto delle notti brave di giovani che vagano per la frazione quando i controlli si allentano e si permettano di sporcare in ogni modo e von ogni mezzo. Alcuni titolari di esercizi commerciali hanno chiesto alle autorità di polizia di affrontare per tempo il problema anche in vista del periodo più "caldo" dell´estate.

IL TAR "ALLUNGA" LE NOTTI A MARINA DI RAGUSA
Il ricorso era stato formalizzato dalle ditte Underground di Santamaria Antonio, Sunrise di Dipasquale Sara, Made in Sun (legale rappresentante Antonio Frasca), Food e Service di Thomas Battaglia, la C&C di Mario Contarino. La motivazione del ricorso risiede nel fatto che "l’ordinanza emanata dal sindaco, in materia di contenimento dell’inquinamento acustico, ai fini della tutela della salute pubblica e dell’ambiente, comporta un danno immediato e irreparabile per l’avviamento degli esercizi commerciali, per i rispettivi fornitori e per il correlato mercato del lavoro derivante dal flusso di turisti e vacanzieri». L´ordinanza in questione è la 651 emanata lo scorso 19 giugno ed entrata in vigore all´inizio del mese. Il comune è stato difeso davanti al Tribunale amministrativo dal proprio legale, Sergio Boncoraglio.

Sull´altro lato della barricata ci sono i residenti che hanno dato il benvenuto all´introduzione dell´ordinanza e soprattutto al fatto che le norme in essa contenute siano fatte rispettare. Nel corso della settimana, infatti, gli impianti di diffusione sonora sono spenti all´una e nei fine settimana alle 2 con grande sollievo da parte di chi risiede soprattutto nel quadrilatero della movida. La decisione del Tar è attesa a breve anche perchè i proprietari dei locali puntano alla sospensiva dell´ordinanza nel periodo più "caldo" della stagione estiva che arriva fino a Ferragosto.


se questa è la movida...
31/07/2014 | 9.29.01
gianni

certo che se "movida" significa stare fermi per ore intere davanti ad un bar che spara sulla strada suoni senza senso, bevendo gli alcolici costosissimi che la moda del momento impone, senza poter dire una parola se non urlando per farsi sentire... questa movida sembra proprio squallida!


LA FINE
30/07/2014 | 20.39.23
giò

Ed alla fine hanno vinto i 5 gestori di locali. già assistiamo a ragazzini ubriachi che dopo aver litigato, danneggiato di tutto, urinato ovunque per tutta la notte, finiscono in ospedale. è questa la movida?...no, speriamo che le forze dell´ordine riescano a tenere un minimo di civiltà in questa marina in balia dei vandali per il buon nome di qualche gestore di locale che serve ogni tipo di superalcolici a minorenni alla faccia delle leggi.


lo sballo ha vinto
29/07/2014 | 17.00.12
franco

lo sballo ha vinto ancora...alla faccia del vivere civile....


MAH!
28/07/2014 | 22.54.30
Gianni

Probabilmente, qualcuno di questi gestori, è tra quelli che servono superalcolici a minorenni fino all´alba....perchè privarli della musica?????!!!!!!!!!