Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 993
RAGUSA - 03/06/2008
Attualità - Ragusa - Il distacco del vecchio batacchio dalla campana

Ragusa: Tragedia sfiorata per S.Giorgio

Alla fine degli anni ’50 il batacchio volò sulla piazza e centrò due fratelli: un morto e un ferito. Stavolta è rimasto sul campanile Foto Corrierediragusa.it

L’ultimo rintocco di campana la notte del 1 giugno poteva essere fatale per spettatori e fedeli, ma per fortuna San Giorgio, stavolta, ha fatto il miracolo. Perché il vecchio batacchio della campana che annunciava la fine dei fuochi piro-musicali, ancora più incantevoli e suggestivi delle passate edizioni, s’è staccato dalla campana rimanendo incastrato nel castelletto dell’altra campana.

Se ne sono accorti in pochi della tragedia sfiorata, ma fra i primi a correre verso la campana muta all’improvviso e a gridare al miracolo, don Pietro Floridia, parroco del Duomo di Ibla. Tutto bene quel che finisce bene, però sarebbe il caso, per evitare «miracoli», dare una revisionata alle campane del Duomo in occasione di solennità religiose ed eventi culturali che riempiono la piazza di gente.

Miracolo che San Giorgio non riuscì, o non volle fare, tra la fine degli anni ’50 e l’inizio dei ’60, perché anche in quella occasione, racconta una mente-archivio ragusana, il batacchio si staccò dalla campana e volo fra la gente che assiepava la piazza. Centrò due fratelli, ammazzandone uno e ferendo gravemente l’altro, oggi ottantenne e vivente.

E sempre nello stesso periodo, racconta il solito archivio della storia religiosa, durante la festa del patrono San Giovanni, una bomba cadde fra la piazza e corso Vittorio Veneto, esplose e uccise una signora. Eventi religiosi e funesti, che per fortuna e per miracolo di San Giorgio non si sono ripetuti la notte del 1 giugno 2008: il vecchio batacchio non ha difatti causato danni a persone o cose.

A parte questo rischioso fuori programma, la festa ha fatto registrare la presenza di almeno 30mila persone. Ottima l’organizzazione del servizio di bus navetta che ha funzionato quasi a meraviglia. Qualche problema si è difatti registrato solo verso mezzanotte, quando sono state davvero decine di migliaia le persone che hanno deciso contemporanenamente di ritornare in città.

I bus navetta, in tutto 10, messi a diasposzione gratuitamente dal Comune, sono riusciti a smaltire la folla in tempi relativamente brevi. Per chiudere una curiosità: hanno attirato l´attenzione di grandi e piccini i Carabinieri a cavallo giunti appositamente dal nucleo radiomobile di Palermo. I militari dell´arma in sella ai loro destrieri hanno affascinato un po´ tutti.