Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1242
RAGUSA - 15/07/2014
Attualità - Temono per il loro futuro lavorativo

Cava dei Modicani: lavoratori in sciopero dopo anni

Il sindacato è all’erta Foto Corrierediragusa.it

I lavoratori della discarica di Cava dei Modicani (foto) scioperano. E´ il primo segnale concreto che lanciano all´amministrazione perchè temono per il loro futuro occupazionale anche se il problema investe il problema è molto più ampio perchè investe il futuro dell´impianto. La decisione dell´amministrazione Piccitto di non realizzare la quarta vasca perchè si intende puntare sulla differenziata è molto controversa e trova la Cgil ferma nella sua difesa dei lavoratori. Dice Giovanni Lattuca, segretario provinciale della F.P. Cgil: "I fortissimi timori paventati dai lavoratori in servizio presso la discarica di Ragusa riguardanti il loro futuro lavorativo si sono concretizzati nel peggiori dei modi. L´ormai sempre più prossima data di chiusura dell´impianto si avvicina e le notizie "certe" riguardanti i lavori di ampliamento dell´impianto si scontrano con la cruda realtà" Il mancato inserimento dell´ampliamento della discarica nel piano triennale delle opere pubbliche recentemente approvato non ha fatto che confermare i timori dei lavoratori.

Dice ancora Lattuca: "Ad aggravare quanto accaduto è stata la presa in giro effettuata dai rappresentanti dello stesso Comune che il giorno successivo alla seduta di Consiglio, durante l´incontro convocato dai Commissari della Srr Ragusa per risolvere lo stato di agitazione proclamato dai lavoratori della discarica, sostenevano che i lavori di ampliamento erano assicurati e che forse si sarebbe potuto Se riprendere anche l´iter per la realizzazione della quarta vasca". I lavoratori intendono portare la loro protesta ancora avanti e per la città potrebbero nascere disagi a causa del mancato conferimento dei rifiuti in discarica in un periodo in cui città e frazioni sono affollate di turisti e vacanzieri.