Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 589
RAGUSA - 12/07/2014
Attualità - Opposizione all’attacco del sindaco su ordinanza di sgombero

Chi dice la verità sul caso Randello?

Dice Sonia Migliore: "Il sindaco Piccitto ancora una volta racconta bugie, falsità" Foto Corrierediragusa.it

Chi dice la verità sul caso Randello? Il contestato chalet sulla spiaggia, prima autorizzato e poi in tutta fretta smantellato dopo l´ordinanza del sindaco fa emergere altri particolari che sono stati resi noti dai consiglieri di opposizione Sonia Migliore, Peppe Lo Destro e Maurizio Tumino, che dopo un esame della documentazione loro fornita dagli uffici comunali, non esitano a dire che il Resort che aveva chiesto l´autorizzazione haa ragione ed il sindaco ha mentito. Il Comitato Randello Libera intanto tiene sempre viva l´attenzione sulla questione anche perchè in un prossimo futuro si potrebbe concretizzare la possibilità di uno chalet sulla spiaggia al posto dell´attuale concessione per sdraio ed ombrelloni. Secondo la ricostruzione della vicenda da parte dei tre consiglieri di opposizione risulta che il 20 maggio il Comune ha dato parere Favorevole alla costruzione dello chalet, impegnando un´area di 2300 metri quadrati con l´unica condizione che quando e se verrà approvato il piano spiagge dall´assessorato regionale all´Ambiente, la società costruttrice si dovrà adeguare allo stesso.

Di conseguenza l´ordinanza di sgombero, emanata dal sindaco, appare pericolosa, perché potrebbe aprire un contenzioso con la ditta, che ha le autorizzazioni, che potrebbe rivalersi sul Comune. Contraddittorio a questo punto appare il comportamento dell´amministrazione che prima concede l´autorizzazione e poi ordina lo sgombero dell´arenile. Dice Sonia Migliore: "Il sindaco Piccitto ancora una volta racconta bugie, falsità. Di sicuro si nasconderà dietro la nota emessa dagli Uffici regionali del Demanio Marittimo, la quale rimanda all´approvazione del Piano spiagge, il quale diventerà vincolante per la ditta costruttrice».