Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 816
RAGUSA - 29/06/2014
Attualità - Imu e Tari resteranno invariate. Delibera ora all’esame del Consiglio comunale

Ragusa: la Tasi non si paga. E il resto?

L’amministrazione annuncia un risparmio di 5 milioni ma per il consigliere Udc si tratta solo di un milione 200 mila euro Foto Corrierediragusa.it

Risparmi in arrivo. Lo assicura l´assessore al Bilancio, Stefano Martorana (nella foto con il sindaco Federicco Piccitto), che ha annunciato un risparmio di 5 milioni perchè non sarà introdotta a Ragusa, unica città insieme a Olbia, la Tasi. Si tratta della tassa sui servizi indivisibili che avrebbe dovuto avere la funzione di recuperare i minori trasferimenti dello Stato. Ogni ragusano risparmierà mediamente tra i 70 e gli 80 euro. Lo abbiamo potuto fare - ha detto l´assessore Martorana perchè siamo riusciti a riequilibrare le sorti delle casse di Palazzo dell’Aquila, affinché i cittadini possano evitare di sostenere questa spesa e potranno investire altrove le proprie finanze. Il tutto anche per consentire all’economia di girare».

La manovra che è stata deliberata in giunta e dovrà passare al vaglio del consiglio comunale prevede anche un nuovo adeguamento per l´Imu che con la Tasi e la Tari (tassa sui rifiuti) darà luogo alla nuova Iuc,imposta unica comunale. Sono previste esenzione "prima casa" anche per chi cede ai figli un immobile in comodato d´uso. Sarà inoltre prevista la possibilità di pagare un´unica imposta per piccole unità immobiliari che vengono aggregate. I tagli possono arrivare anche al 40 per cento di quanto è stato dovuto finora. Previsti anche agevolazioni per chi conferisce i rifiuti nei centri di raccolta.

Sulla delibera della giunta Piccitto si è scagliata Sonia Migliore (Udc) che rimprovera a sindaco e giunta di avere aumentato le tasse ai ragusani per 10 milioni di euro con Imu e Tares. Dice la Migliore: "L´aumento delle tasse aveva un unico scopo, creare un tesoretto. Martorana negò di aver trovato 10 milioni di avanzo di amministrazione, certificati dai revisori dei conti e così oggi nel conto consuntivo può dichiarare 13,5 milioni di avanzo amministrazione, con 5 milioni di euro di entrate in più. L´assessore continua a dire bugie. Ha affermato, infatti, che l´abbattimento dell´aliquota della Tasi farà risparmiare, ai cittadini, 5 milioni e mezzo di euro. Falso! Il risparmio sarà al massimo di un milione e duecento mila euro. Ma Martorana è furbo ed omette di dire, artatamente, che ha ricevuto 2,5 milioni di euro dallo Stato come compensazione per l´esenzione Imu. Non dice che la Regione gli ha certificato 14 milioni di royalties, di cui 7 milioni appena accreditati. Non dice, inoltre, che i tagli, sia statali che regionali, quest´anno (2014) ammontano a 5 milioni di euro, senza contare i 6 milioni e 600 mila euro ricevuti per il fondo di solidarietà. Altro che Comune disastrato, con 16,5 milioni di euro, a cui vanno sommati i 13 milioni di avanzo, il Comune di Ragusa non solo non ha alcuna preoccupazione economica, ma avrebbe potuto e dovuto fare molto di più per i suoi cittadini».

La Migliore è pronta a dare battaglia in aula insieme ai consiglieri di opposizione e invita il sindaco e l´assessore a chiedere scusa ai cittadini.