Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 766
RAGUSA - 27/06/2014
Attualità - Firmato protocollo di intesa per i problemi di salute mentale della popolazione straniera

Asp e Medici Senza Frontiere per assistenza migranti

Gli operatori MSF assicureranno la loro presenza presso l’ASP a supporto dell’attività istituzionale nell’ambito della salute mentale della popolazione immigrata Foto Corrierediragusa.it

Medici Senza Frontiere ed Azienda sanitaria insieme per l´assistenza ai migranti ed alle persone in stato di bisogno. Un protocollo di intesa è stato infatti firmato (nella foto) dal Commissario straordinario, Vito Amato, e da Antonio De Giovanni, per l’organizzazione MSF, responsabile del progetto. Presenti anche Franco Dimartino, direttore del Servizio di psicologia dell’Asp e Antonio Virzì, direttore del DSM (Dipartimento Salute Mentale) aziendale. Il protocollo servirà a dare soluzione ai problemi di salute mentale della popolazione straniera presente sul territorio e promuoverà l’interazione e la collaborazione tra strutture sanitarie e servizi coinvolti nella gestione dei problemi di salute mentale dei immigrati. Il progetto garantirà equità nell’accesso ai servizi e nella fruizione del diritto alla salute da parte delle popolazioni migranti con disagio psichico. L´Asp garantirà fino a tutto dicembre il personale specializzato, due psicologi con competenze etnopsichiatrie e un mediatore culturale selezionato in base alla cultura di provenienza.

Gli operatori MSF assicureranno la loro presenza presso l’ASP a supporto dell’attività istituzionale nell’ambito della salute mentale della popolazione immigrata. Svolgeranno attività di screening psicologico per identificare i casi che necessitano di una presa in carico clinico-terapeutica, gruppi di parola, orientamento alle strutture sanitarie riferimento. Gli operatori MSF inoltre condurranno dei moduli formativi sulle specificità di popolazioni provenienti da contesti di guerra o violenza estrema.»