Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 750
RAGUSA - 26/06/2014
Attualità - Quando l’inciviltà regna sovrana

Il materasso... abbandonato a Ibla

"Certe defaillances non ce le possiamo più permettere" Foto Corrierediragusa.it

«Il fenomeno dell’abbandono della spazzatura in qualsiasi angolo di strada della nostra città sta diventando un problema abbastanza serio. Se sulla questione si può chiudere un occhio, si fa per dire, quando il problema si verifica in periferia, lo stesso non si può dire se accade in pieno centro storico, a due passi dai monumenti dell’Unesco. Che figura ci facciamo con i turisti?». Lo sostiene il consigliere comunale indipendente Elisa Marino dopo avere ricevuto la segnalazione riguardante la presenza di un materasso che ha fatto brutta mostra di sé nella centralissima via del Mercato, a Ragusa Ibla (foto), proprio quando transitavano comitive di turisti che andavano a visitare il cuore della cittadella barocca.

«Ora, essendo convinta – aggiunge Marino – che occorre un pizzico di attenzione in più da parte di quei cittadini che ritengono di potersi liberare di ciò di cui non hanno più bisogno, anche se questo è un rifiuto di ampie dimensioni come può essere un materasso, abbandonandolo dove capita prima, credo anche che l’Amministrazione comunale di Ragusa debba porsi il problema se vogliamo che, finalmente, la parola turismo abbia un senso e non sia soltanto una esercitazione linguistica. Immaginate la faccia di chi, per la prima volta a Ibla, straniero in gita di piacere, è passato da quelle parti e ha «ammirato» il materasso abbandonato. Certe defaillances non ce le possiamo più permettere. Tutti dobbiamo concorrere a raggiungere standard qualitativi di eccellenza, in particolare per quanto riguarda l’ospitalità. All’Amministrazione comunale il compito di fungere da guida e di evitare, una volta per tutte, il ripetersi di queste brutte figure».