Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1340
RAGUSA - 15/06/2014
Attualità - Sono gli art. 2 e 3 a disciplinare nel dettaglio il regolamento

Registro amministrativo Unioni civili

Oltre alla tenuta del registro, all’ufficio competente sarà ora affidato anche il relativo modello, secondo le modalità già adottate dal massimo consesso civico Foto Corrierediragusa.it

Il Servizio "Elettorale, Anagrafe e Stato civile" del Settore comunale "Affari generali" è l´ufficio individuato dalla Giunta a cui sono state affidate le competenze di organizzazione e disciplina dei provvedimenti relativi al registro amministrativo delle Unioni civili. Diventa così operativo dopo mesi di stallo il servizio che era stato già approvato dal Consiglio comunale insieme al relativo regolamento. Oltre alla tenuta del registro, all´ufficio competente sarà ora affidato anche il relativo modello, secondo le modalità già adottate dal massimo consesso civico. L´art. 1 del regolamento fa presente che "è istituto il registro amministrativo delle unioni civili presso il Comune di Ragusa".

Sono gli art. 2 e 3 a disciplinare nel dettaglio il regolamento. "E´ considerata unione civile il rapporto tra due persone maggiorenni, di sesso diverso o dello stesso sesso, legate da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nel comune di Ragusa da almeno 12 mesi, che ne abbiano chiesto la registrazione amministrativa ai sensi dei successivi articoli". Il regolamento spiega che "il Comune provvede a tutelare e sostenere le unioni civili, al fine di superare situazioni di discriminazione e favorirne l´integrazione e lo sviluppo nel contesto sociale, culturale ed economico del territorio. Le aree tematiche entro le quali gli interventi sono da considerarsi prioritari sono: casa, sanità e servizi sociali, politiche per i giovani, genitori ed anziani, sport e tempo libero, formazione, scuola e servizi educativi, diritti e partecipazione, trasporti". Soddisfatto si è detto il sindaco Federico Piccitto.