Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 890
RAGUSA - 02/06/2014
Attualità - La cerimonia si è tenuta nella cornice di piazza Pola ad Ibla

Il 68° anniversario della nascita della Repubblica

Il Prefetto ha evidenziato, tra le altre cose, l’opportunità di favorire l’ammodernamento dell’apparato dello Stato mantenendo un’efficiente struttura di Governo capace di assicurare la coesione sociale e la garanzia dei diritti fondamentali dei cittadini Foto Corrierediragusa.it

Piazza Pola ha ospitato la manifestazione celebrativa per il 68mo anniversario della fondazione della Repubblica. La cerimonia ha avuto inizio con il passaggio in rassegna da parte del Prefetto Annunziato Vardè del reparto in armi e dello schieramento dei labari delle Associazioni combattentistiche e d´arma (nella foto), dei gonfaloni di tutti i Comuni della provincia e delle rappresentanze dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale, delle Infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana e della Protezione Civile.

Dopo l’alzabandiera, accompagnato dalle note dell´Inno d´Italia, intonate dal Corpo bandistico della Città di Ragusa, il Prefetto ha dato lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, pronunciando a seguire il suo discorso con il quale, tra l’altro, ha rinnovato l’apprezzamento per il fattivo impegno che le istituzioni statali e locali rendono sul versante dell’immigrazione che interessa in modo particolare questo ambito provinciale, richiamando altresì l’attenzione sulla esigenza di profondere il massimo sforzo per dare attuazione al principio del diritto al lavoro con l’invito «a promuovere le condizioni per la più ampia occupazione a fronte della perdurante grave crisi economica».

Nel sottolineare i profondi mutamenti della società civile il Prefetto ha inoltre evidenziato l’opportunità di favorire l’ammodernamento dell’apparato dello Stato mantenendo un’efficiente struttura di Governo capace di assicurare la coesione sociale e la garanzia dei diritti fondamentali dei cittadini.

La manifestazione è proseguita con la consegna delle medaglie d’onore.e delle onorificenze di Cavaliere «Al merito della Repubblica italiana» conferite dal Presidente della Repubblica rispettivamente alla memoria di tre cittadini iblei deportati ed internati nei lager nazisti ( Carmelo Criscione di Ragusa nato il 10 febbraio 1922, Carmelo Moltisanti, ispicese, nato il 3 luglio del 1911 e Domenico Zocco, ispicese nato il 19 aprile del1915) e ad altrettanti cittadini della provincia che si sono particolarmente distinti per meriti civili, sociali e culturali (Erman Di Natale Erman, Roberto Melilli e Francesco Putzu). Una lettura scenica di un brano sull’avvento della Repubblica tratto dal libro »Terra Matta» di Vincenzo Rabito, interpretata da Marcello Perracchio, e un concerto per ensemble d’archi eseguito dall’orchestra del Liceo Musicale «Verga» di Modica hanno chiuso la cerimonia nella sala teatro «Donnafugata".