Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1101
RAGUSA - 25/05/2014
Attualità - Dovranno essere utilizzate dalla Sosvi per finanziare infrastrutture

Patto territoriale Ragusa: arrivano 3 milioni e mezzo

E’ un esempio positivo per l’economia ragusana nel suo complesso, avendo portato finanziamenti, lavoro ed occupazione Foto Corrierediragusa.it

Arrivano quasi tre milioni e mezzo per investimenti pubblici. Sono stati erogati alla Sosvi, Società Sviluppo Ibleo, Patto Territoriale Ragusa, dal Ministero per lo Sviluppo Economico e dovranno essere utilizzate dalla Sosvi per finanziare infrastrutture. I soggetti attuatori degli interventi infrastrutturali saranno i soci pubblici della Sosvi, la ex Provincia Regionale di Ragusa, la Camera di Commercio di Ragusa, l’ex Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Ragusa ora IRSAP, i 12 Comuni della Provincia di Ragusa, oltre a tutte le Associazioni di categoria (Confindustria, CNA, Confcommercio, Confesercenti, CIA, Codiretti, Confagricoltura, Lega Cooperative, Confcooperative, i sindacati Cgil, Cisl, Uil, ed aziende.

Il Patto Ragusa ha previsto un importo di investimenti agevolabili di 79.882.454 € con un onere a carico dello Stato pari a 47.387.502 € e un capitale proprio da apportare pari a 29.042.437 €. «Con il riconoscimento di questo finanziamento da parte del Ministero dello Sviluppo Economico – ha dichiarato il Presidente Giovanni Iacono – consideriamo concluso il lavoro del Consiglio di Amministrazione in carica, spetterà alla nuova dirigenza, che sarà eletta nella prossima Assemblea dei Soci. Considero l’esperienza del Patto Territoriale Ragusa un esempio positivo per l’economia ragusana nel suo complesso, avendo portato finanziamenti, lavoro ed occupazione. Spero che questi nuovi finanziamenti, rivolti essenzialmente alla realizzazione di interventi infrastrutturali, servano a contribuire al rilancio di una economia, che, pur nella gravissima crisi economica che sta attraversando, rappresenta comunque la prima economia della Sicilia".