Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 852
RAGUSA - 24/05/2014
Attualità - Intanto il sindaco di Ragusa previene il vandalismo con 10 telecamere a Marina

Movida estiva: riunione in Prefettura

Il prefetto Annunziato Vardè ha chiamato attorno al tavolo i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, dell’Arpa, della Camera di commercio, delle associazioni di categoria e naturalmente i sindaci delle città interessate Foto Corrierediragusa.it

Torna l´estate e puntualmente si pone il caso della movida nelle località balneari e nei centri storici delle città. Con un anticipo sui tempi il Prefetto ha convocato il Comitato provinciale per l´Ordine e la Sicurezza pubblica per porre le premesse affinchè le notti dei villeggianti possano essere serene e quelle dei titolari dei locali pubblici soddisfacenti dal punto di vista commerciale. Sulla scorta dell´esperienza dello scorso anno, quando il fenomeno delle emissioni sonore e degli schiamazzi fu contenuto in qualche modo il prefetto Annunziato Vardè ha chiamato attorno al tavolo i rappresentanti delle Forze dell´Ordine, dell´Arpa, della Camera di commercio, delle associazioni di categoria e naturalmente i sindaci delle città interessate. L´indicazione non ancora formalizzata vuole che i locali pubblici ed i ritrovi restino aperti fino all´una sia nei centri storici sia nelle località balneari nel corso della settimana e fino alle 2 nei fine settimana. L´ordinanza fu condivisa in modo unanime lo scorso anno ed ebbe effetti benefici perchè si evitarono così le trasmigrazioni da una località all´altra di giovani in cerca di locali che stessero aperti fino ad un´ora più tarda.

Quest´anno tuttavia non sembra esserci unanimità sugli orari proposti dal prefetto perchè il sindaco di Modica Ignazio Abbate vuole fissare alle 2 in qualsiasi giorno della settimana la chiusura dei locali nel periodo che va dal 20 luglio al 20 agosto. Nessuna decisione è stata ancora presa ma l´iniziativa del sindaco di Modica potrebbe rompere il fronte ed innescare un effetto domino. Proprio per contrastare vandalismi, schiamazzi, danneggiamenti e violazione dell´ordinanza il sindaco Federico Piccito ha deciso invece di piazzare dieci telecamere nella zona più calda della movida a Marina. Le zone che verranno coperte dal servizio di videosorveglianza sono quelle ubicate nell´area compresa tra via Brin, via Napoli, via Venezia e via Tindari, il quadrilatero dove lo scorso anno si verificarono casi di intolleranza e numerose proteste da parte dei residenti.

Dice l´assessore Salvo Corallo: "Vogliamo garantire un livello di sicurezza ed ordine pubblico ottimale per tutti gli utenti, turisti e residenti della zona, fornendo uno strumento utile soprattutto per l´attività quotidiana di monitoraggio operata dalle forze dell´ordine". Si tratta di una autentica novità per Marina e l´esempio potrebbe essere seguito da altre amministrazioni per cercare di tenere sotto controllo il territorio nelle ore notturne.