Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1460
RAGUSA - 15/05/2014
Attualità - I 2 volatili sono diventati un’autentica attrazione per i curiosi

Nido di cicogne sul palo lungo la Maltempo-Ragusa!

A favorire il loro arrivo è senz’altro il territorio dell’altopiano, molto favorevole alle loro necessità Foto Corrierediragusa.it

In provincia di Ragusa probabilmente è l’unica coppia di cicogne che ha scelto di viverci e riprodursi. Questi splendidi volatili hanno costruito il loro nido su un traliccio della luce di media tensione posto sulla provinciale Maltempo-Ragusa (foto), strada di collegamento da Chiaramonte Gulfi al capoluogo di provincia. A pochi metri dalla sede stradale questi uccelli sono riusciti a catalizzare l’attenzione di tantissimi automobilisti, molti dei quali si fermano per ammirare questa coppia di cicogne, intenta a covare le uova. C’è chi si staziona un bel po´ per fotografarle o realizzare un filmato. Loro malgrado, le due cicogne sono diventate delle vere e proprie star e non si curano per niente dell’andirivieni di persone che li ammirano. Certo è che vedere, alzando gli occhi al cielo, quest’uccello, la cui apertura alare è di ben due metri, volare sopra la propria testa è una vera emozione. Un bel regalo della natura che va preservato e custodito. La cicogna bianca, specie migratrice, che è solita arrivare in Europa nei mesi primaverili per nidificare e poi, ritornare verso l´Africa Sud-sahariana nei mesi di luglio e agosto ha fatto così la sua comparsa anche in questo lembo di Sicilia e sembra intenzionata a restarci.

A favorire il loro arrivo è senz´altro il territorio dell’altopiano, molto favorevole alle loro necessità: ampi spazi arati e coltivati a poca distanza dal lago artificiale dell’Irminio. Essendo volatili di grandi dimensioni hanno bisogno di vaste aree pianeggianti per volare, rimanendo comunque a poca distanza dai bacini idrici. La cicogna bianca predilige, infatti, le zone coltivate agricole e umide, laddove è più facile procacciarsi cibo. Hanno una dieta molto variegata, anche se si nutrono soprattutto di anfibi, topi, rane, cavallette e altri invertebrati. Gli ecologisti hanno potuto accertare che gli esemplari nati in Sicilia sembrano andare contro corrente: molti di loro non migrano per svernare in Africa, ma restano, divenendo di fatto stanziali. Un fenomeno favorito sicuramente dal clima mite e non rigido in inverno.