Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1182
RAGUSA - 08/04/2014
Attualità - Raccoglie sempre più consensi il gruppo che conta già 3mila 600 iscritti

Paesi Iblei, il gruppo della memoria è su Facebook!

Tutti possono contribuire ad arricchire il già cospicuo patrimonio di foto e documenti di Paesi Iblei iscrivendosi e postando il proprio materiale da condividere Foto Corrierediragusa.it

Da qualche mese è possibile su Facebook condividere ricordi e scoprire le radici della provincia iblea attraverso gli occhi di chi l’ha vissuta o attraverso gli aneddoti degli antenati. E’ questo e molto altro il gruppo chiuso Paesi Iblei che sta raccogliendo sempre più proseliti nel popolare social network, con 3mila 600 iscritti che aumentano giorno dopo giorno. «Questo gruppo – spiega Nino Maltese, uno dei fondatori e amministratore – si prefigge lo scopo di valorizzare il territorio ibleo in tutti i suoi aspetti storici, da quello architettonico a quello paesaggistico, passando per la musica, la letteratura e molto altro grazie alle testimonianze di splendide e rare foto d’epoca».

Insomma, la memoria costituisce dunque l’elemento dominante di Paesi Iblei, nel segno della promozione e della valorizzazione di tutto il territorio ibleo, anche sotto il profilo turistico, con una strizzatina d’occhio anche al limitrofo territorio aretuseo. Tutti possono contribuire ad arricchire il già cospicuo patrimonio di foto e documenti di Paesi Iblei iscrivendosi e postando il proprio materiale da condividere con chi non intende dimenticare la propria storia.

Clicca su Paesi Iblei per entrare nel gruppo chiuso su Facebook ed iscriverti!


ASPETTA...
08/04/2014 | 23.23.29
Gino

Fantastica iniziativa! Ma aspettate, arriverà presto qualche barone modicano che farà sorgere un gruppo dei paesi della val di noto, asserendo che un´idea simile l´ebbero prima loro, ma ancora facebook non esisteva....