Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 574
RAGUSA - 17/03/2014
Attualità - Alla conferenza dei sindaci erano assenti i primi cittadini di Modica e di Comiso

Sindaci iblei uniti nel Libero Consorzio. Modica non ci sta

Sottoscritto un documento con cui si auspica il mantenimento dell’attuale contesto Foto Corrierediragusa.it

Dieci dei dodici comuni iblei vogliono mantenere l´identità della provincia di Ragusa. I primi cittadini che sono intervenuti alla conferenza dei sindaci convocata a palazzo dell´Aquila (nella foto) hanno infatti sottoscritto un documento con il quale auspicano il mantenimento dell´attuale consistenza dei comuni di quella che è l´attuale provincia di Ragusa anche se non escludono altri ingressi da parte di altre realtà territoriali che sono vincine e limitrofe al territorio. Alla riunione erano assenti i sindaci di Comiso, Filippo Spataro e di Modica, Ignazio Abbate. Se Comiso non ha fatto sapere le ragioni dell´assenza ed in particolare se intende restare nel gruppo, Modica ha già detto no perchè Ignazio Abbate punta sul Libero consorzio del Val di Noto. Al momento si tratta solo di un´idea cullata dall´amministrazione Abbate che il sindaco vuole concretizzare al più presto.

"Ci stiamo muovendo per costituire un Libero consorzio e non capisco perchè il sindaco Piccitto ci ha convocato. Ho già contatti con i sindaci di Scicli, Pozzallo ed Ipsica e presto contatterò altri colleghi del sud per costituire quel consorzio all´interno del quale Modica possa giocare un ruolo importante". Abbate ha dovuto tuttavia prendere atto che Scicli, Pozzallo ed Ispica hanno sottoscritto il documento dei sindaci della provincia e già questo sembra essere una presa di distanza dal progetto che si delinea nelle stanze di palazzo S. Domenico.


mah
18/03/2014 | 15.57.14
Tano

Ahahahah kissà come mai abbate non ha partecipato...
ma gli hanno mai insegnato 1 po di storia a sto tipo qui, oppure è ancora convinto ke gli abbiamo rubato la provincia e le solite bla bla bla dell´ignoranza storica modicana?
Ma come, rosolini voleva venire tempo fa a far parte della provincia di ragusa e aderirebbe anche al consorzio ibleo e modica se ne va?? e come può andarsene?? solo cedendo del territorio, xkè se ispica e pozzallo vogliono far parte del consorzio ibleo devono essere adiacenti e lui nn può decidere anke x gli altri comuni...
e poi gli hanno spiegato ke 1 nuovo consorzio deve avere almeno 180mila abitanti?? e ke dai vekki territori provinciali nn possono andarsene se fanno diminuire tale cifra di abitanti??
ma si...noi abbiamo rubato la provincia, noi siamo quelli e a modica gli ignoranti storici sanno dire solo questo, mica si ricordano ke la sede della contea era ragusa e non modica e ke modica lo divenne solo nel 1447 a seguito della rivolta dei ragusani nei confronti del sanguinario Giovanni Cabrera ke scappò da Ragusa andandosi a rinchiudere a Modica e ke i modicani lo accolsero a braccia aperte nonostante fosse 1 sanguinario e ke da tutto questo Ne seguì un processo che rappresenta un unicum nella storia medievale in quanto il signore di un feudo venne messo sotto accusa dai propri sudditi. Il Conte fu costretto a pagare 60000 scudi e a cambiare città di residenza, essendo stato riconosciuto colpevole di duro trattamento contro i Terrazzani ???
no ma va beh, lui e tanti altri magari ste cose le sanno, e ke le dimenticano facilmente e cavalcano l´onda x prendere consensi...