Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1089
RAGUSA - 16/03/2014
Attualità - Il commissario straordinario, Carmela Floreno, è stata chiara con i sindacati

Consorzio Universitario: pochi soldi

"L’impegno finanziario dell’Ente non potrà avere alcun incremento rispetto a quello indicato nel bilancio triennale, in considerazione anche dell’incertezza normativa sulle funzioni dei Liberi Consorzi che la nuova legge dovrà determinare» Foto Corrierediragusa.it

Solo 150 mila euro per il Consorzio universitario. Il commissario straordinario della Provincia, Carmela Floreno (nella foto), è chiara: "l’impegno finanziario dell’Ente non potrà avere alcun incremento rispetto a quello indicato nel bilancio triennale, in considerazione anche dell’incertezza normativa sulle funzioni dei Liberi Consorzi che la nuova legge dovrà determinare». I fondi messi a disposizione nel Bilancio tuttavia non bastano perchè il Consorzio costa un milione l´anno, cifra che deve essere ripartita tra i due enti che lo sostengono, Comune e Provincia.

La Provincia lo scorso anno fu obbligata ad una variazione che dai 150 mila euro previsti portò l´impegno finanziario a carico dell´ente a 470 mila euro ma sembra chiaro ormai che la Provincia, considerato che è in fase terminale, non può assumere altri impegni. La Floreno ha chiesto dunque ai sindacati l´elaborazione di una proposta alla luce dl nuovo contesto determinatosi e delle difficoltà finanziarie dell´ente che circa un mese fa furono illustrate ai rappresentanti di Cgil, Cisl ed Uil. I sindacati,rileva il commissario straordinario, non hanno prodotto alcuna proposta per una rimodulazione delle spese di funzionamento del Consorzio e per le misure necessarie per contrarre la spesa elaborando un razionale piano di tagli.

I rappresentanti sindacali si impegnarono, infatti, in quella sede, a presentare ai soci del Consorzio una proposta operativa di salvaguardia dei posti di lavoro dei dipendenti del Consorzio Universitario o di mantenimento dei livelli occupazionali assicurando gli stessi servizi. «Al termine di quell’incontro ci siamo lasciati – dice il commissario Floreno – con l’impegno che i rappresentanti sindacali facessero pervenire al CdA del Consorzio, e per conoscenza ai soci, un piano finanziario per il mantenimento dei livelli occupazionali senza procedere ad alcun taglio di ore o di rivisitazione del contratto. A tutt’ oggi non ho avuto trasmesso alcun piano".