Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1391
RAGUSA - 16/03/2014
Attualità - Spazio per altre 25mila tonnellate di rifiuti. "No" del sindaco alla quarta vasca

Cava dei Modicani, a gennaio si chiude

Salvaguardati, almeno per il momento, i posti di lavoro dei dieci addetti Foto Corrierediragusa.it

Altre 25 mila tonnellate di rifiuti saranno conferite nella discarica di Cava dei Modicani (nella foto). Il progetto è stato inoltrato alla Regione dalla SRR, l´organismo che ha sostituito l´Ato Ambiente, e prevede il conferimento dei rifiuti nella terza vasca assicurando così la "vita" dell´impianto fino a gennaio 2015. Grazie a questo progetto i dieci lavoratori impiegati presso l´impianto potranno mantenere il posto di lavoro. L´operazione prevede l´innalzamento delle sponde della vasca e quindi non comporta alcun impatto ambientale per cui avrà il via libera dal Dipartimento regionale dei rifiuti.

Ne è certo l´assessore all´Ambiente, Claudio Conti, che ha incontrato i lavoratori della impresa Costanzo.Uno di questi, Danilo Ferrera, 45anni, è salito su una torre faro come forma eclatante di protesta per portare l´attenzione su futuro dei lavoratori. Il suo gesto ha aiutato a smuovere le acque ed un circuito virtuoso si è messo in moto. Si prevede che a giugno la discarica sarà satura e l´amministrazione comunale non ha intenzione di costruire la quarta vasca; da qui la protesta dei dipendenti che vedono in pericolo il loro futuro dopo aver lavorato da 15 anni nell´impianto.

Sindacati, lavoratori e la stessa impresa premono per la quarta vasca ma c´è la chiusura dell´amministrazione che ha invece garantito, tramite l´assessore Conti, che in sede di nuovo bando per la Raccolta dei rifiuti solidi urbani, i lavoratori tuttora in servizio avranno una corsia preferenziale per essere assunti dalla nuova società.