Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 449
RAGUSA - 15/03/2014
Attualità - Croce e delizia in città

Se a Ragusa la differenziata non fa la differenza!

Da parte dell’opposizione è partito un appello per criteri meno rigidi Foto Corrierediragusa.it

Differenziata, croce e delizia in città. A fronte di cittadini che si conformano alle regole e rispettano le direttive c´è anche chi fa fatica ad uniformarsi o addirittura rifiuta ancora il sistema, ritenuto complicato. In città ci sono famiglie e residenti nel centro storico che ormai esasperati per lo scempio che trovano sotto casa la mattina hanno invitato i vicini con un cartello molto eloquente: "Siete pregati di portare l´immondizia sotto le vostre abitazioni". Le proteste sono tante e gli inviti alla Busso sono di dotare tutti i condomini di bidoni per evitare che i cani facciano scempio dei sacchetti. Gli operai della Busso,assicura la ditta sono sempre vigili e pronti a rimuovere quanto si trova per strada ma non sempre basta. Il consiglio comunale da parte sua ha approvato una mozione su "Raccolta differenziata porta a porta"con cui l´amministrazione comunale si impegna ad eliminare ogni possibile conferimento nei cassonetti come punto di partenza necessario per garantire risultati positivi. L´obiettivo del sindaco Piccitto è di arrivare al 70 per cento di differenziata rispetto al modesto 20 per cento di oggi e la mozione vuole incentivare chi differenzia rispetto a chi lo fa di meno.

Da parte dell´opposizione è partito un appello per criteri meno rigidi sulla differenziata. Si vuole insomma che si renda la vita più facile prevedendo solo la separazione del secco dall´umido. Troppo poco in verità se la città deve restare pulita e soprattutto realizzare risparmi significativi.