Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1266
RAGUSA - 13/03/2014
Attualità - Le 13 sezioni avisine contano 21.667 soci con un aumento di 715 iscritti rispetto al 2012

Avis ragusana in crescita, aumentano soci e donazioni

I dati nel corso della relazione tenuta ai soci relativa all’anno appena trascorso che ha fissato anche gli obiettivi per l’anno sociale in corso Foto Corrierediragusa.it

L´Avis ragusana cresce. Il dato relativo al 2013 parla di un aumento del 4,2 per cento con 1.341 unità di donazioni per un totale di 33.221. Il presidente provinciale dell´Avis, Salvatore Poidomani ha snocciolato i dati nel corso della relazione tenuta ai soci relativa all´anno appena trascorso che ha fissato anche gli obiettivi per l´anno sociale in corso. I 129 delegati delle tredici sezioni avisine della provincia che contano complessivamente 21.667 soci con un aumento di 715 soci rispetto al 2012, della provincia hanno approvato il consuntivo. Il direttore sanitario Giovani Garozzo si è soffermato sull´aumento del numero delle donazioni segnalando anche la crescita maggiore si è avuta a Modica dove si sono registrati 316 nuovi iscritti portando il numero dei donatori da 2.848 a 3. 164.

Numeri positivi anche nel capoluogo, + 126, Vittoria, + 104, Scicli, +65, Pozzallo, + 61, Scoglitti, +17, Comiso, + 13, Chiaramonte e Monterosso, + 8, S. Croce, + 3. In calo invece i piccoli comuni montani ed Ispica. Modica è capofila anche per numero di donazioni facendo registrare un + 518 rispetto al 2012. Le donazioni in provincia non si sono fermate neppure in estate quando c´è di norma un calo fisiologico a conferma che in provincia la sensibilità rispetto alle donazioni di sangue è abbastanza spiccata. In provincia vengono superati i parametri medi fissati dall´Organizzazione mondiale della Sanità con dei dati che sono più raddoppiati. Al raggiungimento di questo traguardo è l´intensa attività svolta dalle varie sezioni sul territorio grazie alla campagna di sensibilizzazione e di informazione. Un lavoro specifico è stato svolto nelle scuole per coinvolgere le giovani generazioni ed ha ottenuto un risultato molto apprezzabile.