Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 919
RAGUSA - 07/03/2014
Attualità - Il sistema di raccolta differenziata non funziona

Se la spazzatura sommerge Ragusa

A fronte di un costo medio di 500 euro l’anno il servizio erogato non sembra rispondere alle aspettative della famiglie Foto Corrierediragusa.it

Centro storico sporco. Il sistema di raccolta differenziata non funziona ed i residenti protestano. A fronte di un costo medio di 500 euro l´anno il servizio erogato non sembra rispondere alle aspettative della famiglie e non garantisce alla luce di quanto si vede in questi giorni perle strade della città il decoro. Il sistema di ritiro dei sacchetti non funziona come segnalano molti utenti del centro storico. "Non è possibile - dice un residente in uno stabile di via Risorgimento - che l´umido debba essere lasciato fuori sotto casa alla portata dei cani che la notte fanno scempio di tutto. Tutti i condomini, a prescindere dal numero delle famiglie residenti, dovrebbero essere dotati di contenitori, così come avviene per carta, vetro e plastica". Lo spettacolo davanti ai palazzi del centro storico non è dei più edificanti nelle ore che vanno dalla tarda serata al primo mattino con immondizia dispersa lungo la strada e con gli operatori ecologici che, quando possono, devono provvedere a ripulire come hanno fatto con una giornata straordinaria di lavoro qualche giorno fa per calmare la rabbia dei residenti e restituire la pulizia alla città.

Evidentemente non funziona il sistema perchè se è vero che ci sono tanti che non rispettano tempi e modalità previste dalla raccolta differenziata, ci sono molti che, pur volendo rispettare le indicazioni dell´impresa addetta alla raccolta, non vedono "premiato" il loro spirito di collaborazione. Servirebbe intanto una maggiore opera di informazione e di sensibilizzazione dei residenti nelle zone del centro storico interessate dalla differenziata e poi alcuni interventi strutturati come più contenitori dove "proteggere" la spazzatura da eventuali incursioni esterne, come cani,pioggia, o vandali. L´impresa da parte sua invoca multe e provvedimenti drastici nei confronti di chi non collabora ed anzi sabota la raccolta differenziata ma non è così che si risolve il problema.

Sta di fatto che gli obiettivi posti dall´amministrazione di arrivare al 75 per cento di differenziata diventa lontanissima visto che oggi si ferma ad appena il 20 per cento scarso e perdi più con l´immondizia dispersa sotto le case.