Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 711
RAGUSA - 02/03/2014
Attualità - Sono venticinque in tutto il territorio, di cui otto nella zona artigianale

Telecamere attive in contrada Mugno. Ci sarà più sicurezza

L’amministrazione comunale è intervenuta con una somma di 51 mila euro Foto Corrierediragusa.it

Venticinque telecamere già funzionanti. Altre otto pronte ad essere installate nella zona artigianale di contrada Mugno (nella foto). Sono questi i passi avanti riscontrati nel corso della seduta della Prima commissione a palazzo dell´Aquila. L’argomento, già trattato in precedenza il 24 settembre dello scorso anno, è quello della sicurezza in centro e nei siti sensibili del territorio cittadino. Alla riunione dell’organismo consiliare hanno partecipato il vicesindaco Massimo Iannucci, il comandante della polizia locale, Giuseppe Puglisi, accompagnato dagli ufficiali Umberto Ravallese e Piero Buffa, l’ing. Yuri Lettica nella qualità di responsabile del settore informatico dell’ente locale.

«Rispetto al precedente incontro – chiarisce Morando – quando avevamo preso atto che sulle diciannove telecamere installate, solo quattro erano funzionanti, direi che si è registrato un netto cambiamento. E ciò è stato possibile anche alla somma di 51mila euro stanziata dal Comune di Ragusa nella qualità di ente locale territoriale partecipante al «Patto per Ragusa sicura», stipulato in Prefettura alle presenza di tutte le forze di polizia, con l’avallo del comitato tecnico che ha stabilito le modalità per mettere in rete le telecamere e i luoghi in cui installarle, in particolare quelle aree in cui con maggiore frequenza possono verificarsi degli eventi delittuosi. Lo stesso comitato ha deciso di installare, oltre quelle di cui abbiamo già parlato, altre dodici telecamere ma, per il momento, non risultano a disposizione i fondi necessari».

La commissione ha esaminato, tra l’altro, la possibilità di mettere sotto controllo anche i parchi pubblici e le scuole senza sottovalutare, inoltre, l’importante patrimonio monumentale, riconosciuto dall’Unesco, di cui la città è dotata.