Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:11 - Lettori online 1750
RAGUSA - 05/02/2014
Attualità - Per Legambiente si scongiurano così nuovi attacchi al territorio

Stretta della Sovrintendenza sugli insediamenti rurali

Legambiente attende ora che si faccia ulteriore pulizia dei pareri rilasciati nonostante in contraddizione con le norme del Piano Foto Corrierediragusa.it

L´applicazione delle norme del Piano Paesistico convincono Legambiente. La nuova linea voluta dal sovrintendente Rosalba Panvini hanno evitato in questi ultimi mesi ulteriori attacchi al territorio scongiurando insediamenti non strettamente legati all´attività agricola. Questo è, tra l´altro,quanto dettano le norme del Piano paesistico e precisamente l´articolo 42 che in tempi precedenti è stato sottovalutato o peggio ancora dimenticato. Forse , non a caso, c´è stato chi in nome di una banca straniera ha chiesto di costruire una unità abitativa a supporto del fondo agricolo o altre aberrazioni come l´insediamento di supposti laboratori.

Legambiente ha dato pubblicamente atto alla dirigente della Sovrintendenza del "suo impegno per il rispetto del Piano paesistico" e spende altre parole di plauso anche per l´assessore all´Urbanistica Giuseppe Di Martino, che ha chiesto alla Soprintendenza di Ragusa di rivedere tutte le autorizzazioni paesaggistiche in contrasto con l’articolo 42. rilasciate in passato dall’ex soprintendente Ferrara.

"E´ un segnale significativo di cambiamento rispetto al passato, nella direzione che ci aspettavamo dall´amministrazione in attesa di una forte accelerazione su riqualificazione energetica ed antisismica degli edifici, che ribadiamo sono tra l’altro l’unica alternativa per edilizia ed artigianato degni di questo nome e per un’evoluzione anche economica nel nostro comune». Legambiente attende ora che si faccia ulteriore pulizia dei pareri rilasciati nonostante in contraddizione con le norme del Piano.