Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:43 - Lettori online 1202
RAGUSA - 04/02/2014
Attualità - Produce biossido di cloro ed affianca quello già esistente

A S. Leonardo nuovo impianto anti crisi idriche

Garantirà anche la sicurezza per quanti operano all’interno della struttura Foto Corrierediragusa.it

Pienamente operativo il nuovo impianto per la produzione di biossido di cloro all´interno dell´impianto di sollevamento di Contrada San Leonardo (nella foto). Il nuovo macchinario affianca quello già funzionante ed ha una potenza produttiva tripla di quella sviluppata dall´impianto finora operativo che però, a causa dello stress da continuo funzionamento, rischiava di incorrere in frequenti guasti, con conseguenti difficoltà per il rifornimento idrico di circa il 60 per cento delle abitazioni nel perimetro urbano.

E´ stata inoltre operata la sostituzione dei serbatoi di contenimento dei due componenti chimici necessari alla produzione del biossido di cloro per la depurazione delle acque, con una capienza tre volte maggiore rispetto alle strutture preesistenti e con doppia camera di sicurezza a disposizione. Tra gli altri interventi realizzati all´interno dell´impianto di sollevamento di contrada San Leonardo, per garantire la piena sicurezza degli operatori impegnati nell´utilizzo degli impianti, si è provveduto all´installazione di una doccia di emergenza visoculare, una valvola di apertura antipanico ed una centralina Ups.

Il nuovo contratto, firmato con la ditta Prominent di Bolzano, che ha provveduto all´installazione dell´impianto, prevede in caso di guasto della struttura, l´intervento dei tecnici per la riparazione, entro 48 ore dalla rilevazione del malfunzionamento. Dovrebbe essere scongiurato ormai il pericolo di una nuova emergenza idrica in città come è accaduto per sei mesi lo scorso anno.