Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1218
RAGUSA - 26/01/2014
Attualità - Grazie al Movimento 5 stelle

Raccolti 5mila euro in meno di 24 ore per Mariella Russo

Si può aiutare la famiglia Russo con una donazione via Paypal, Postepay, carta di credito o direttamente nel conto corrente della Banca Agricola Popolare di Ragusa intestato a Mariella Russo, Iban IT53J0503617003CC0031062340 Foto Corrierediragusa.it

Raccolti 5mila euro in appena 24 ore per Mariella Russo (foto). Sono stati raccolti grazie all’iniziativa del Meet Up del Movimento 5 stelle di Ragusa e del gruppo consiliare, attraverso l’apertura di un conto Kapipal e il lancio di una campagna di sensibilizzazione attraverso il nostro sito internet e la pagina facebook, immediatamente ripresa dal Blog di Beppe Grillo, che i grillini ringraziano per la grande sensibilità con cui ha rilanciato a livello nazionale una battaglia che a livello territoriale è stato deciso di portare avanti con convinzione dal Movimento 5 stelle di Ragusa.

L´APPELLO DEL MARITO
«Pensavo che il mio appello potesse scuotere le coscienze dei politici, ritenevo che il pericolo che Mariella sta correndo potesse smuovere qualcosa o qualcuno, apprendo con grande dispiacere che nessuno si sta prodigando per risolvere il problema. Dove sono i nostri rappresentanti politici? Dove? Ci rimane solo il vostro affetto». Giuseppe Spadaro, marito di Mariella Russo, la 28enne ragusana affetta dalla rara malattia Mcs, rende noto come il suo appello di qualche giorno fa è completamente caduto nel dimenticatoio. «Ricordo come fosse ieri le parole dell’Assessore alla Salute, Lucia Borsellino, quando venendo a Ragusa ad ottobre, ci assicurò la sua vicinanza ed il suo impegno, per venire incontro all’esigenza di mia moglie. Già in quella occasione – sottolinea Giuseppe Spadaro – le spiegammo come la nostra situazione economica fosse assolutamente precaria, che per consentire le cure a mia moglie ci fossimo seriamente indebitati, contraendo più mutui che non sappiamo come pagare. L’importante, al di là di tutto, era che consentissero a mia moglie, alla madre di mio figlio, alla donna per me più importante, la possibilità di continuare a curarsi ed a star meglio».

Le parole della Borsellino furono chiare: «faremo tutto il possibile, avvieremo le pratiche per il riconoscimento della Mcs anche in Sicilia e ci faremo carico noi delle spese. Non possiamo accettare che lei non si curi».

«Oltre al danno – sottolinea Giuseppe Spadaro -, la beffa. Non abbiamo più ricevuto né la sua vicinanza, né tantomeno il sostegno economico che, ritengo, fosse dovuto. Noi paghiamo le tasse, siamo in regola con tutto, pur mettendo a serio rischio il pane a tavola, come dobbiamo fare? Pretendiamo troppo, chiedendo che il diritto alle cure di Mariella sia garantito dallo Stato? Abbiamo pagato, sino ad oggi, praticamente la metà di ogni ricovero (oltre 24mila euro), per ben cinque ricoveri. Adesso non possiamo più – sottolinea – e non sappiamo dove sbattere la testa».

Giuseppe Spadaro non nasconde la sua rabbia, la propria tristezza, il proprio sconcerto. È senza più parole, sembra senza più speranze. Unico appiglio, rimane soltanto la solidarietà dei tanti concittadini e persone che sono accanto a loro, non soltanto a parole.

«Oggi mi rivolgo a voi, aiutate mia moglie. Lo Stato, i suoi rappresentanti, i deputati, gli onorevoli, i senatori, hanno fatto orecchie da mercante e ci hanno totalmente abbandonando, la stanno condannando a morte. Ma perché questa indifferenza? Cosa abbiamo fatto di male? È forse una colpa essere malati? Ed a volte avrei sperato che mia moglie fosse stata figlia dell’assessore Borsellino o del Presidente Crocetta, oppure ancora di qualche altro rappresentante istituzionale, la sua vita sarebbe stata molto più semplice». Per aiutare la famiglia Russo occorre trovare 12mila euro in meno di una settimana.

Mariella il primo febbraio, sabato prossimo, farà ritorno a casa ma se entro il 31 gennaio il marito non salderà il conto per le spese mediche, non le daranno i vaccini, frutto delle fatiche della giovane in questo ultimo ricovero londinese e l’unica possibilità di vita per i prossimi tre mesi qui a casa.

Il 31 gennaio è dietro la porta e si può aiutare la famiglia Russo con una donazione via Paypal, Postepay, carta di credito o direttamente nel conto corrente della Banca Agricola Popolare di Ragusa intestato a Mariella Russo, Iban IT53J0503617003CC0031062340.