Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 856
RAGUSA - 20/01/2014
Attualità - Sarà avviato in primavera in via sperimentale. I cittadini potranno utilizzare anche un app

Buche e perdite d´acqua? A Ragusa segnalazioni via web

Per l’amministrazione favorirà il dialogo e l’interazione tra cittadini ed amministrazione Foto Corrierediragusa.it

I disservizi si segnalano on line. E´ la filosofia di Comuni-Chiamo, il progetto voluto dall´amministrazione comunale per segnalare, gestire e risolvere i problemi in città. Le amministrazioni M5S che della comunicazione on line hanno fatto un caposaldo della loro attività ci credono anche per creare uno strumento in più di partecipazione alla vita pubblica. In pratica i cittadini potranno segnalare anche elettronicamente (dunque non solo telefonando agli uffici) i vari disservizi della città, dall´illuminazione ai rifiuti, dalle perdite idriche alle buche stradali.

I cittadini possono utilizzare il sito o le app per segnalare le problematiche che riscontrano nella vita di tutti i giorni inviando, assieme alla segnalazione elettronica, anche una foto che apparirà sulla mappa della città all´interno del programma di controllo a disposizione degli uffici comunali. Ricevuta la segnalazione, gli uffici si attiveranno inviando sul posto e nel più breve tempo possibile una squadra operativa. Secondo i creatori del software (che al Comune costerà cinque mila euro l´anno) "i Comuni hanno così a disposizione una piattaforma intuitiva per ricevere, gestire e risolvere le segnalazioni. Grazie a "Comuni-Chiamo" le persone lavoreranno in maniera più organizzata, si riducono tempi di risoluzione e si offre un servizio migliore ai cittadini".

Il progetto è stato presentato in conferenza stampa dal sindaco Federico Piccitto, dall´´assessore Stefano Martorana e dal consigliere Carmelo Ialacqua che per primo aveva lanciato l´idea. Il servizio sarà attivo in primavera per testare strumentazione e struttura che dovranno gestirlo. Dice il sindaco Piccitto: "Oggi la cittadinanza manifesta la necessità di un dialogo con l´amministrazione comunale attraverso diversi metodi compreso quello cartaceo. L´informazione però spesso è disaggregata così diventa difficile anche per noi veicolare il messaggio in tempi rapidi verso gli uffici competenti L´idea è quindi di avere un sistema organico con un canale informativo facile da utilizzare". Soddisfatto lo stesso Ialacqua che vede realizzarsi una proposta tra l´altro condivisa da molti cittadini.

"L´idea è nata a San Francisco, negli States, dove questo modello ha avuto un certo successo. E´ facile perchè attraverso tablet, telefonini, email e perfino una semplice telefonatasi segnala un disservizio. Le segnalazioni vengono veicolate in una piattaforma unica e gli uffici aggiorneranno in tempo reale i cittadini sulla risoluzione delle segnalazioni avanzate".