Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 691
RAGUSA - 02/01/2014
Attualità - La Coldiretti ha monitorato le abitudini alimentari degli italiani a S. Silvestro

Per il cenone spesi quasi 2 miliardi. Boom di lenticchie

Stappate oltre 80 milioni di bottiglie di spumante, ma durante la notte più lunga dell’anno sono stati consumati anche 6,5 milioni di chili di cotechini e zamponi Foto Corrierediragusa.it

Lotta allo spreco: sembra essere per molti italiani il nuovo proposito per questo 2014. Perché dal cenone di Capodanno sono stati salvati 200 milioni di euro dalla spazzatura. Si è iniziato bene l´anno, lo dice la Coldiretti che puntuale ha monitorato le abitudini alimentari nel giorno del grande cenone. L´80% delle famiglie ha fatto la spesa in modo più oculato e il 26% ha ridotto le quantità acquistate. Certo più che una virtù, il fenomeno va inquadrato come conseguenza della crisi. Ma questi tempi di magra hanno fatto riscoprire alcuni valori che erano andati persi nell´epoca del consumismo.

Sette italiani su dieci, il 60% della popolazione ha preferito festeggiare a casa. E il 56% per l´ultimo dell´anno ha optato per il riutilizzo degli avanzi, ingegnando la fantasia e ispirandosi alle tante ricette, ai blog e alle pubblicazioni che promuovono questo nuovo trend.

In totale, gli italiani hanno speso quasi 1,9 miliardi di euro. Una flessione del 5% rispetto all´anno precedente. "Con il Capodanno si stima che – rileva la Coldiretti- siano state stappate oltre 80 milioni di bottiglie di spumante, ma durante la notte più lunga dell’anno sono stati consumati anche 6,5 milioni di chili di cotechini e zamponi, con un aumento del 9 per cento rispetto all’anno scorso, serviti assieme a 10 milioni di chili di lenticchie, «chiamate» secondo tradizione a portar fortuna, vista anche la situazione difficile che vive il Paese".