Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1224
RAGUSA - 31/12/2013
Attualità - Le nuove tendenze indotte dalle difficoltà di molte famiglie ma i ristoranti "tengono"

Tempo incerto a Capodanno. Il cenone è da asporto e si festeggia in piazza

Presepi e concerti nei vari centri della provincia. Veglia di preghiera della Caritas a Modica Foto Corrierediragusa.it

Ritorna il Capodanno in piazza ed il cenone è da asporto. Sono le due tendenze indotte dalle difficoltà di molte famiglie ad affrontare le spese di un cenone tradizionale o di partecipare ai cosiddetti veglioni. I vari ristoratori hanno intuito per tempo l´aria che tira e si sono riciclati. Tanti i menu da asporto con possibilità di scelta tra carne e pesce. Un servizio offerto anche a domicilio che coniuga convenienza, non si va oltre i 30 euro, e praticità. Non si cucina e si possono gustare specialità soprattutto di pesce.

Poi tutti fuori in piazza perchè quest´anno, a Palermo come a Catania, le amministrazioni comunali, è il caso del capoluogo e a Modica, hanno allestito spettacoli come non avveniva ormai da qualche anno. Lo spettacolo musicale con gruppi giovanili è gratuito, offre la possibilità di divertirsi fino a tardi e di incontrare gente. Il tempo è però incerto e potrebbe piovere. Il brindisi in piazza S. Giovanni sarà il saluto all´anno che viene. Nonostante le polemiche e le critiche al programma del "Natale barocco" l´idea del concerto in piazza è piaciuta soprattutto ai giovani. Molti invece resteranno nelle residenze estive che per l´occasione sono state aperte. Tante le presenze a Marina dove le terrazze sono state attrezzate per l´immancabile grigliata all´aperto, condizioni meteo permettendo.

Sarà un Capodanno di lavoro invece per le Forze dell´ordine perchè le pattuglie saranno presenti sulle principali strade della provincia, soprattutto quelle verso il mare, per tenere sotto controllo il traffico che si annuncia intenso verso l´alba quando i giovani in particolar modo rientreranno in città dopo la colazione a base di caffè e cornetti appena sfornati. La sera di Capodanno sono in programma i tradizionali concerti che sono graditi alle famiglie.

La Caritas diocesana di Noto ha tiene, come da tradizione ormai da qualche anno, la veglia per la pace nel primo giorno dell´anno. Alle 20 nella chiesa di S. Pietro i presbiteri e la comunità religiosa si ritroveranno attorno ad un pugno di sabbia che sarà posto accanto all´altare maggiore. E´ la sabbia proveniente dalla spiaggia di Sampieri dove sono naufragati tredici profughi eritrei. Una scelta significativa che va nella direzione indicata da Papa Francesco anche alla luce di quanto accaduto recentemente a Lampedusa.