Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 786
RAGUSA - 20/12/2013
Attualità - Pensionato sinonimo di povero

Gli anziani siciliani sono i più poveri d’Italia

La provincia di Ragusa è la «più ricca» dell’Isola, ma collocata nei bassifondi della classifica nazionale Foto Corrierediragusa.it

Pensionato sinonimo di povero. In Sicilia, rispetto al resto d’Italia, la sofferenza degli anziani è accentuata da una situazione economica che peggiora, inarrestabile, di giorno in giorno. In Sicilia, i pensionati sono 1.013.803. Meno di uno su venti percepisce una pensione superiore ai 1 e 500 euro al mese. Mentre, più in generale, la media mensile delle pensioni ammonta a 676 euro. Ma, in realtà, per l’82% delle persone, la pensione non supera i 600 euro mensili. Si tratta di uno dei dati regionali peggiori d’Italia. Un rapporto della Federazione pensionati della Cisl Palermo fa emergere dati inquietanti: a Palermo gli over 65 sono oltre 253mila e la media delle pensioni non supera i 667 euro mensili.La medesima situazione si propone a Trapani: su 95 mila pensionati, 64 mila e 800 percepiscono una pensione inferiore a 500 euro. Caltanissettaè la provincia con il maggior numero di pensioni inferiori ai 600 euro al mese (dove il dato sfiora il 90%), aggiudicandosi il triste titolo della media più bassa in Sicilia: 509 euro, cifra che evidenzia il grado di povertà dei pensionati. Ragusa è la provincia «più ricca» dell’Isola, ma collocata nei bassifondi della classifica nazionale, con una media mensile di 712 euro a persona.

Siracusa, invece, è l’unica delle province sicilianein cui oltre il 10 per cento dei pensionati percepiscono una mensilità superiore ai mille euro. Le parti sociali richiedono la modifica della legge di stabilità, passando attraverso l’indicizzazione delle pensioni.Ossia, la salvaguardia del potere d’acquisto delle pensioni attraverso l’applicazione del meccanismo dell’indice prezzi al consumo armonizzato, già in atto per salari e retribuzioni, oltre che l’estensione della quattordicesima mensilità.