Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 745
RAGUSA - 19/12/2013
Attualità - Resteranno in carica fino al 30 giugno

Proroga di 6 mesi per i commissari delle 9 province

Il governo Crocetta porterà in aula un testo Foto Corrierediragusa.it

Altri sei mesi di proroga. I commissari straordinari nelle nove provincie siciliane resteranno in carica fino al 30 giugno. Il governo Crocetta porterà in aula un testo per la proroga de dei commissari, in sede di approvazione della Legge di stabilità, venendo così meno al programma annunciato nella scorsa estate quando fu annunciato che le provincie sarebbero state soppresse entro il 31 dicembre. Il governatore Crocetta (foto) si è impegnato, insieme ala proroga, alla presentazione del disegno di legge sui Liberi Consorzi tra comuni che dovranno sostituire le provincie. Per il presidente della Regione un bagno di sano realismo visto che ancora si è parlato tanto di Liberi Consorzi ma niente di concreto dal punto di vista legislativo è stato prodotto. Giovanni Scarso,commissario straordinario a palazzo del fante, può dunque programmare altri sei mesi di attività sperando che il termine del 30 giugno per la fine del suo mandato venga rispettato.

Le opposizioni hanno attaccato pesantemente il presidente Crocetta accusandolo di volere insabbiare l´annunciata riforma e parlando senza mezzi termini di "sindrome di Penelope" che mira, cioè a scucire, quanto fatto finora. Il M5S infatti, paventa l´intenzione, anche da parte del presidente Crocetta, di fare «marcia indietro» e resuscitare l´ente, il neodeputato di Forza Italia Vincenzo Figuccia chiede invece certezze: «O si scioglie l´ente, o si torna alle elezioni».

«Province, indietro tutta. La patata bollente sugli Enti cancellati dalla legge regionale – dicono i deputati grillini Francesco Cappello e Salvatore Siragusa - viene accantonata col proposito di discuterla dopo la finanziaria ed il bilancio, ma con il reale intento di boicottare la riforma».