Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1049
RAGUSA - 17/12/2013
Attualità - La 10ma edizione ha visto la partecipazione di circa 100 centauri

Motofiaccolata "Città di Ragusa" allegra e solidale

Il Moto Club Ibleo ha colto l’occasione per destinare parte delle quote di iscrizione raccolte a chi ha bisogno, in particolare alla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Foto Corrierediragusa.it

Cento partecipanti alla 10ma edizione della Motofiaccolata "Città di Ragusa". La carovana motociclistica, segnata da una moltitudine di palloncini colorati e torce lampeggianti ed accompagnata dagli sguardi dei numerosi cittadini accorsi a seguire l’evento, è partita intorno alle 18,30, ha percorso alcune vie dal centro storico di Ragusa superiore per poi svilupparsi tra le curve della circonvallazione di Ibla fino ad arrivare in piazza Duomo, dove si è tenuta la consueta benedizione dei caschi e delle moto ad opera del parroco di San Giorgio, don Pietro Floridia (nella foto). Anche quest’anno il Moto Club Ibleo ha colto l’occasione per destinare parte delle quote di iscrizione raccolte a chi ha bisogno, in particolare alla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, sezione di Ragusa. «Un gesto di solidarietà che da diversi anni arricchisce l’evento – sottolinea uno degli organizzatori, Salvatore Licitra – e che nel 2013 abbiamo pensato di destinare alla Lilt. Questo raduno è diventato l’occasione per scambiarci gli auguri alla maniera motociclistica».

«L’iniziativa si è rivelata, come ogni anno – ha aggiunto il presidente del Moto Club Ibleo Eugenio Schininà – una bellissima festa. La moto fiaccolata «Città di Ragusa» è diventata un evento molto atteso. Certamente non pensavamo di essere ancora così numerosi undici anni fa – racconta il presidente Schininà – quando venne in mente ai componenti del direttivo di chiudere la stagione in maniera differente rispetto alla solita cena natalizia. Cercavamo un evento che riuscisse ad aggregare non solo gli affiliati al Moto Club ma i tanti sportivi ragusani appassionati di motociclismo. Solo l’impegno e la passione sono riusciti a confezionare per dieci anni di fila un simile evento, una vera soddisfazione per tutti noi».