Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1558
RAGUSA - 15/12/2013
Attualità - Alle 4.57, probabilmente legata all’attività dell’Etna. Epicentro tra Ispica, Pozzallo e Pachino

Terremoto negli Iblei, nessun danno

Il sisma è stato avvertito pure nelle province di Siracusa e Catania Foto Corrierediragusa.it

Nessun danno a persone o cose ma solo un po´ di paura nella notte tra sabato e domenica in Sicilia per una scossa di terremoto magnitudo 4.1, avvertita a Catania, Siracusa, Ragusa, Modica e molte altre località. La scossa è arrivata nel cuore della notte ed ha svegliato tanti che stavano dormendo. L´allarme ha cominciato a correre su Twitter e social network e poi è arrivata la conferma dell´Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Sono comunque parecchie le scosse sismiche che da sabato pomeriggio hanno creato apprensione nella Sicilia orientale. Sarebbero state contate più di 10 scosse, probabilmente collegate all’attività dell’Etna, dove ci sono stati piccoli movimenti tellurici per tutta la notte dopo la scossa di magnitudo 3.3 di ieri sera. L’evento sismico più consistente si è verificato alle 04,57. Poco dopo una scossa ancora più forte, di magnitudo 4.1, a 10 km di profondità, ha interessato la Sicilia sud/orientale, con epicentro il litorale tra Ispica, Pozzallo, Pachino, Rosolini e Portopalo di Capo Passero.

La scossa, come accennato, è stata avvertita in tutta la Sicilia sud orientale, da Siracusa a Catania, da Ragusa a Modica, da Comiso ad Augusta, da Floridia a Lentini, da Palazzolo Acreide a Scicli. Protezione civile e Vigili del fuoco della provincia di Ragusa sono in stato di allerta e per fortuna non segnalano danni importanti. L´attività sismica è continuata in Sicilia perchè alle prime luci dell´alba, intorno alle 6.34, è stata colpita un´altra scossa, stavolta più lieve di magnitudo 2.4, si è verificata tra le province di Enna, Messina e Catania.