Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 924
RAGUSA - 09/12/2013
Attualità - In una dura nota il movimento critica i divieti imposti dalla Questura

Forconi adirati con lo Stato: "E´ cinico"

"Lo Stato si manifesta in tutto il suo cinismo e palesa un comportamento di disprezzo nei riguardi di quel popolo che dovrebbe tutelare e guidare con saggezza e onestà" Foto Corrierediragusa.it

L’ordinanza prefettizia che vieta assembramenti di persone e automezzi in quasi tutti i siti indicati dal Movimento dei Forconi non piace proprio per niente ai diretti interessati, che, in una nota, esprimono la loro amarezza.
"Il divieto - si legge - viene imperniato sul fermo nazionale degli autotrasportatori che comporterebbe danni all’economia e disagi ai cittadini e fa pure riferimento a pregresse manifestazioni che pare abbiano fatto registrare azioni intimidatorie. Si può obiettare che, per quanto riguarda la provincia di Ragusa, non esiste alcuna agitazione degli autotrasportatori e di conseguenza non viene intaccata la libera circolazione dei cittadini e degli autoveicoli. In secondo luogo - prosegue la nota - il Movimento ha assicurato lo svolgimento assolutamente pacifico della manifestazione e tale »pacifica» modalità è contenuta nella richiesta inviata alla Questura, ribadita negli incontri ufficiali con parecchi Sindaci, è proclamata nel foglio divulgativo distribuito ai cittadini ed è stata chiaramente sottolineata nelle varie interviste televisive. Da qui nasce la profonda delusione da una parte e lo stato d’animo di frustrazione dall’altra, facile a tramutarsi in una veemente protesta popolare".

La nota del Popolo dei Forconi iblei prende quindi una piega decisamente più dura: "Lo Stato - si continua a leggere - si manifesta in tutto il suo cinismo e palesa un comportamento di disprezzo nei riguardi di quel popolo che dovrebbe tutelare e guidare con saggezza e onestà. E’ chiaro che la «Casta» non vuole fastidi e disturbi di alcun genere, occupata com’è a difendere ad oltranza i propri privilegi, calpestando anche i principi costituzionali. Speriamo che il popolo recepisca il pericolo di tale comportamento orientato a soffocarne la libertà, rendendolo più povero, cacciandolo nella più cupa disperazione. E’ il momento di reagire; questo sistema malato, perfido, arrogante, truffatore ed abusivo deve scomparire. Il popolo si renda protagonista di un mutamento radicale, nel rispetto della Costituzione per il recupero e l’affermazione di una democrazia pulita e solidale. In questo frangente, i Forconi, quantunque feriti nella dignità di cittadini onesti di questa Repubblica - chiude la nota - desiderano dimostrare di avere ancora senso di responsabilità e di rispettare conseguentemente l’ordinanza della Questura.