Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 734
RAGUSA - 02/12/2013
Attualità - E’ stato ritirato a Roma il 26 novembre da Ciccio Di Pasquale

Al Bar Di Pasquale premio "Pasticceri & Pasticcerie"

La rinomata pasticceria di corso Vittorio Veneto continua a fare incetta di premi: arriva il riconoscimento «Pasticceri & Pasticcerie» 2014
Foto CorrierediRagusa.it

A settembre il «Gambero Rosso», il 26 novembre scorso il prestigioso riconoscimento «Pasticceri & Pasticcerie» 2014. Enzo e Ciccio Di Pasquale (nella foto da sinistra), icone dell’arte pasticcera a Ragusa e noti anche nel resto d’Italia, fanno incetta di premi.

Ciccio Di Pasquale si è recato a Roma, dove il 26 novembre, presso la sede del Gambero Rosso gli è stato consegnato il premio che bissa l’altro trofeo ottenuto a settembre come Bar d’Italia 2014.

Il segreto del successo che si allarga sempre di più oltre i confini municipalistici, regionali e nazionali? «La serietà e la professionalità nel lavoro che svolgiamo- dicono Enzo e Ciccio- la collaborazione di personale competente e professionale, l’uso di prodotti d’eccellenza per l’elaborazione dei nostri dolci. Ora siamo al lavoro per la realizzazione di un panettone particolare e da gustare per la prossima festività di Natale».

La Pasticceria Di Pasquale, nata nel 1950 grazie al padre a Giovanni, si vanta di essere la più storica delle pasticcerie del capoluogo e dell’intera provincia. Non c’è personalità o esperto dell’arte gastronomica e dolciaria che passando da Ragusa per lavoro o per vacanza, non senta il bisogno di soffermarsi al civico 104 di corso Vittorio Veneto per gustare e portare a casa le prelibatezze esposte in vetrina. Due nomi su tutti: lo scrittore vicentino Guido Piovene e il nostro letterato conterraneo Leonardo Sciascia, che veniva a prendere personalmente, o si faceva mandare, le squisite torte Savoia, delle quali andava ghiotto. Ma allora non si potevano acquistare on line. Come avviene oggi.