Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 633
RAGUSA - 30/11/2013
Attualità - Il sindaco Federico Piccitto e l’assessore al Bilancio ne hanno parlato a Roma

Tribunale Ragusa "disturbato" da logistica

I due amministratori hanno rassicurato il sottosegretario che a breve sarà perfezionato l’iter di accorpamento dei tribunali di Ragusa e Modica Foto Corrierediragusa.it

Il futuro del tribunale di Ragusa (foto) è sempre all´attenzione per i problemi logistici ancora irrisolti. Il sindaco Federico Piccitto e l´assessore al Bilancio ne hanno parlato a Roma con il sottosegretario del Ministero di Grazia e Giustizia, Giuseppe Berretta. I due amministratori hanno rassicurato il sottosegretario che a breve sarà perfezionato l’iter di accorpamento dei tribunali di Ragusa e Modica, che è pressoché compiuto e che sarà a breve sarà avviata l´esecuzione dei lavori di adeguamento ad uffici giudiziari dei locali del primo piano dell’ex Palazzo Ina. I due amministratori hanno affrontato con il sottosegretario Berretta anche la problematica dei mancati trasferimenti da parte del Ministero relativi alle spese di funzionamento del tribunale anticipate dal Comune di Ragusa per il 2012 e 2013. «Il sottosegretario si è detto disponibile ad accelerare le verifiche necessarie per la liquidazione delle somme dovute al nostro ente" ha detto il sindaco.

Sempre su questo argomento ha fatto sentire la sua voce il presidente della sottosezione dell´Anm, Associazione nazionale magistrati, Claudio Maggioni, che ha chiesto al sindaco quali soluzioni alla carenza di locali adeguati pensa di adottare e soprattutto i tempi di realizzazione alla luce dei disagi che ogni giorno vivono magistrati e personale operante nella sede di via Natanelli. Dal loro canto gli avvocati del foro di Modica non demordono e sono tornati alla carica con un atto dichiaratorio nel quale fanno la cronistoria della vicenda politico amministrativa che ha portato all´accorpamento del tribunale di Modica nonostante la struttura di piazzale Aldo Moro sia del tutto sicura ed adeguata dal punto di vista della antisismicità. Con il documento gli avvocati si rinvolgono a tutte le autorità competenti perchè attestino le condizioni statiche dell´immobile che ospita il tribunale di Ragusa e di prevedere tutta quella serie di interventi necessari per rendere sicuri i locali.

In caso contrario gli avvocati reiterano la loro richiesta di trasferire a Modica gli uffici giudiziari in attesa che i lavori vengano completati. Dice Carmelo Scarso, già presidente della Camera Penale a Modica: "E´ veramente scandaloso e folle ordinare il trasferimento di uffici pubblici da una struttura antisismica, come quella del Tribunale di Modica, in una struttura non antisismica, come quella del Tribunale di Ragusa".


30/11/2013 | 14.26.28
A.G.

Notare l´ubicazione del tribunale sul ciglio della cava.
Idem per il palazzo ex-SIP a fianco sede degli ufficiali giudiziari.
A livello sismico:sicurezza ZERO.


boh...!
30/11/2013 | 11.58.55
gd4

l´ipotesi più semplice e razionale per risolvere il problema era quella di spostare tutta la parte civilistica in una sede distaccata (ad es. nei locali rimasti vuoti del tribunale di Modica) e portare tutto il penale nella sede di Ragusa... è proprio così impossibile da realizzare?