Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 656
RAGUSA - 27/11/2013
Attualità - I campioni delle acque consegnati all’Università di Catamia per gli esami

Emergenza idrica finita. Per Piccitto "territorio vulnerabile"

Il sindaco: "Abbiamo scongiurato venerdì scorso una nuova emergenza idrica con l’attivazione di un altro impianto di biossido manuale all’impianto Lusia" Foto Corrierediragusa.it

L´acquadei pozzi di contrada Lusia ritorna alla normalità rispetto all´immissione in rete dopo l´attivazione di un impianto di biossido di cloro. I funzionari comunali ed alcuni assessori si sono confrontati con i tecnici dell´Azienda sanitaria provinciale. Il sindaco Federico Piccitto a fine riunione ha spiegato l´esito dell´incontro: "Assieme ai tecnici dell´Asp abbiamo ragionato e rivisto insieme le problematiche relative alle sorgenti e ai pozzi, anche alla luce dell´inquinamento riscontrato nei pozzi l e I1. Abbiamo scongiurato venerdì scorso una nuova emergenza idrica con l´attivazione di un altro impianto di biossido manuale all´impianto Lusia ma questa non può essere la soluzione di un problema di ampia scala e di vulnerabilità complessiva che riguarda il nostro territorio e di cui si avevano sentori sin dal 2010".

Restano al momento alcuni problemi in alcune sorgenti, come spiega lo stesso primo cittadino: "La sorgente Oro è terribilmente inquinata tanto da essere stata esclusa dalla rete mesi fa andando direttamente al depuratore mentre la sorgente Misericordia necessita di essere "isolata" dalla sorgente Oro onde evitare "sversamenti" dell´una nell´altra". Intanto il Comune ha preso i relativi contatti con l´Università di Catania a cui ha inviato un campione di acqua del pozzo I1 per la ricerca del protozoo Cryptosporidium. Per conoscere con assoluta certezza i risultati occorrerà attendere una decina di giorni e solo dopo gli esiti delle importanti analisi permetteranno di escludere o confermare la presenza del protozoo e dunque consentiranno all´amministrazione comunale di determinare specifici interventi atti a comprendere l´eventuale fonte di inquinamento.