Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 731
RAGUSA - 14/11/2013
Attualità - Il regolamento per l’introduzione della Tares è stato approvata dalla maggioranza pentastellata

Con la Tares i ragusani pagano di più

All’assessore Stefano Martonara è toccato il compito di spiegare come e perchè si è arrivati all’introduzione della nuova tassa Foto Corrierediragusa.it

Non ci sarà più la Tarsu ma la Tares. A conti fatti i contribuenti pagheranno mediamente 100 euro in più in bolletta per effetto dell´aumento introdotto. Se infatti la Tarsu prima era pagata dai contribuenti per l´80 per cento ed il 20 per cento era a carico dell´Ente con la Tares non sarà più possibile perchè il decreto attuativo impone la copertura totale del costo perla raccolta e lo smaltimento dei rifiuti a carico del cittadino. Il regolamento per l´introduzione della Tares è stato approvata dalla maggioranza pentastellata dopo due giornate di lavori e l´esame di ben 70 emendamenti di cui solo alcuni ammessi. Sono state infatti privilegiate alcune aree di contribuzione ma alla fine i cittadini dovranno sborsare di più per lo stesso tipo di servizio di cui hanno goduto negli anni più recenti. L´unica speranza di vedere diminuire la Tares è legata all´incremento della raccolta differenziata che dallo scarso 20 per cento odierno dovrà toccare almeno punte del 50 per cento per essere apprezzabile sulla bolletta.

All´assessore Stefano Martonara è toccato il compito di spiegare come e perchè si è arrivati all´introduzione della Tares: "Come Comune subiamo e abbiamo pochissimi margini di manovra. Abbiamo comunque lavorato per introdurre principi di equità e ridistribuire l’aggravio in maniera giusta. Abbiamo per esempio tutelato le categorie più colpite, ovvero quelle che producono una maggiore quantità di rifiuti come gli ortofrutta o i vivai, prevedendo un raddoppio della tariffa e non quadruplicazione come avviene in ambito nazionale». Gli emendamenti approvati riguardano lo spostamento del termine da 180 a 60 giorni concesso agli uffici per rimborsare eventuali somme derivanti da errori a danno degli utenti e l´aumento della quota variabile alle banche e gli istituti di credito da 6,93 a 10%. Prevista anche una esenzione del 100% per tre anni alle nuove attività nel centro storico di Ragusa superiore, il cui perimetro sarà delimitato dal regolamento tecnico. Tutto qui per le correzioni alla proposta della maggioranza sulla quale si sono riversati attaccchi e critiche dai banchi dell´opposizione.

«La maggioranza dovrebbe spiegare ai cittadini – ha ribattuto Maurizio Tumino del PdL – il perché si stia procedendo a caricarli di tasse. Questa si conferma l´amministrazione delle tasse, con 7,5 milioni di euro in più decretati in appena una settimana". "Tutte le riduzioni contenute negli emendamenti bocciati - ha commentato Giorgio Mirabella, Idee per Ragusa – avrebbero tutelato le fasce più deboli della popolazione ragusana. Attraverso le nostre proposte si sarebbero spalmati gli effetti negativi di questa ulteriore tassa più correttamente". "È la prima volta che siedo in questa aula - ha esclamato Angelo Laporta di Territorio - ma non credo che gli altri anni non si sia riuscito a trovare un accordo sui temi essenziali. Un comportamento indegno, un atto che non merita il voto". "Una scure che l´amministrazione ha abbattuto sulle famiglie ragusane", ha commentato Giuseppe Lo Destro di Ragusa domani. Per Sonia Migliore (Udc) è "Un atto che sancisce il fallimento della politica sociale di questa amministrazione".

Nella foto una seduta del consiglio comunale di Ragusa


illusione cambiamento
11/12/2013 | 15.45.20
carmelo

ringrazio questa amministrazione di questa bella stangata avendo votato questo sindaco speravo in un cambiamento per noi cittadini, in effetti il cambiamento c´è stato ma in peggio, GRAZIE sindaco per questo bel NATALE che ci farai passare.


paga sempre il cittadino
16/11/2013 | 15.21.23
lucylac

Sbaglia il cittadino paga il cittadino, sbagliano gli amministratori paga il cittadino , c´è qualcosa che non torna


aumenti
14/11/2013 | 20.38.08
peppo

I cittadini ringraziano per l´aumento imu e tares, ringraziano anche la passata amministrazione per i debiti che ha lasciato(qualche rotatoia, qualche parcheggio, qualche ascensore potevano restare a fare per qualche altro anno) grazie ancota di tutto.