Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1229
RAGUSA - 09/11/2013
Attualità - I locali sono di proprietà comunale e servono pochi interventi per renderli agibili

Ex palazzo Ina per uffici tribunale. Piccitto accelera

Il presidente Tamburini ha dato il suo ok ed anche il presidente dell’Ordine forense è d’accordo

Il sindaco Piccitto accelera per i nuovi locali del Tribunale. Sarà l´ex palazzo Ina di piazza S. Giovanni ad ospitare una parte degli Uffici giudiziari a partire da gennaio. Il sindaco vuole raggiungere così due scopi; disinnescare il ricorso al Cga che l´Ordine forense del Tribunale di Modica presenterà nei prossimi giorni e risolvere i problemi logistici di intasamento degli spazi nella sede di via Natanelli. Il sindaco metterà a disposizione il primo piano per un totale di 600 metri quadrati, di proprietà comunale, che fino a qualche tempo fa hanno ospitatogli uffici dei Servizi sociali. D´accordo con questa scelta si è detto il presidente del Consiglio dell´Ordine forense , Giorgio Assenza, che ha suggerito il trasferimento in questi locali del Tribunale del lavoro e delle esecuzioni immobiliari.

Un sopralluogo è previsto per la prossima settimana prima di dare il via libera definitivo al progetto. Anche il presidente del Tribunale, Tamburini, ha ritenuto i locali idonei e funzionali per cui il sindaco darà il via all´Ufficio manutenzioni del comune per realizzare quel minimo di lavori richiesti. Si tratta comunque di una soluzione "in house" che non comporta grandi spese per il bilancio comunale. Successivamente l´amministrazione pensa a funzionalizzare anche i locali del secondo piano per ospitare altre sezioni del tribunale. La scelta di utilizzare l´ex palazzo Ina per il tribunale fa cadere definitivamente il progetto di realizzare un albergo a cinque stelle che era nei programmi della amministrazione Dipasquale.