Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 857
RAGUSA - 06/11/2013
Attualità - Sabato alle 18.30 incontro dibattito a palazzo Garofalo alla presenza del sindaco

Via dal centro storico. A Ragusa i giovani vogliono più movida

E’ quanto emerge dalla prima analisi del questionario somministrato dall’associazione Youpolis in vista del primo «Forum sul Centro Storico" Foto Corrierediragusa.it

I giovani disertano sempre più il centro storico di Ragusa Superiore preferendo altre mete (Ragusa Ibla, Modica, Scicli). E´ quanto emerge dalla prima analisi del questionario che in questi giorni è stato somministrato dall´associazione Youpolis in vista del primo «Forum sul Centro Storico" che si tiene sabato alle 18,30 presso la sala conferenze di Palazzo Garofalo in corso Italia. L´iniziativa è organizzata insieme alla Cattedrale San Giovanni Battista, in collaborazione con il Comune di Ragusa, l’associazione Ideology, il comitato festeggiamenti San Giovanni Battista, l’associazione gruppo d’impegno San Giovanni, la Confcommercio di Ragusa mentre l’agenzia MediaLive è media partner.

Dai primi risultati riguardanti la fascia giovanile emergono dati su cui sarà necessario riflettere. Alla domanda "con che frequenza ti rechi in centro storico", i giovani di età compresa tra i 16 e i 24 anni hanno risposto in stragrande maggioranza "raramente" mentre una percentuale minore va in centro almeno una volta a settimana. Chi ci va lo fa sia in occasione di eventi e sia per raggiungere gli uffici pubblici. Ma è sull´analisi riguardante la realtà commerciale, lo svago, i servizi e la vivibilità per le famiglie, che il giudizio è decisamente negativo visto che per i giovani il centro storico non soddisfa del tutto questi aspetti.

Perché? Secondo le risposte fornite il centro storico starebbe vivendo una fase negativa per mancanza di attrattive ma anche per uno scarso interesse da parte dei privati investitori e degli stessi cittadini. E in questa radiografia che esce fuori dal sondaggio, i punti carenti da migliorare riguardano il trasporto urbano pubblico e il verde pubblico. Di contro le proposte che arrivano per un´attrattiva maggiore, almeno secondo il punto di vista dei giovani, è quello di avere un maggior numero di eventi culturali ma anche più pub e lounge bar. Punteggi molto bassi vengono attribuiti alla vivibilità diurna, a quella notturna, alla fruibilità del centro in termini di accessibilità e indicazioni, così come in fondo alla classifica si posizionano i servizi turistici e l´arredo urbano.

C´è però fiducia sul futuro del centro storico. Alla domanda "Verresti mai a vivere o ad aprire un’attività al centro storico?", la risposta è stata positiva purché vengano soddisfatte precise condizioni. Molti i dati contenuti nel sondaggio che saranno oggetto di discussione e confronto tra i rappresentanti istituzionali, le associazioni ed il commercio.

(nella foto: la rinnovata via Roma)


già...
07/11/2013 | 12.29.23
gd4

non sono solo i giovani a disertare il centro storico: tutti ne stanno alla larga e, se possono, si trasferiscono altrove, cercando di sfuggire al degrado, alle viuzze malsane, alle catapecchie fatiscenti, agli incontri poco raccomandabili che si possono fare di notte etc etc etc... e tutto questo malgrado i milioni di euro spesi (anzi, buttati via) per "riqualificare" strade e piazze che non avevano bisogno di niente, mentre si continua a far finta di non vedere che ci sono zone degradate da RISANARE... e pare che la tendenza continui perchè sembra che si abbia intenzione di continuare con lo sperpero dei soldi pubblici andando a "riqualificare" piazza Libertà (errare è umano ma perseverare è diabolico)!