Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1229
RAGUSA - 30/10/2013
Attualità - Davanti al Prefetto alla presenza dei rappresentanti istituzionali e del mondo bancario

Firmate convenzioni per utilizzo fondi ex Insicem

Ora le somme a disposizione possono essere utilizzate per due delle tre misure previste

Sono state firmate in Prefettura le convenzioni per l´utilizzo dei fondi ex Insicem. Si tratta di due delle tre misure previste dal bando ed in particolare quella relativa agli investimenti aziendali e quella relativa al consolidamento o ripianamento delle passività delle imprese. Si tratta di 160 pratiche peer una somma complessiva di due milioni 200 mila euro.

Le convenzioni sono state sottoscritte dal Commissario Straordinario della Provincia Giovanni Scarso, dal Commissario Straordinario della Camera di Commercio, Sebastiano Gurrieri, in qualità di soggetti attuatori, nonché dai delegati degli Istituti di Credito Banca Agricola Popolare di Ragusa, Banca Nazionale del Lavoro, Monte dei Paschi di Siena, e dai Consorzi o Cooperative Fidi Commerfidi, Confeserfidi, Con.Fi.M, Confipa, Creditagritalia, Multipla Confidi, Profidi, Unifidi Imprese Sicilia, Fidimpresa Confidi Di Sicilia.

La stessa convenzione resta comunque aperta ad ulteriori adesioni da parte di altri istituti di credito interessati. Il tavolo tecnico non ha esaurito tuttavia il suo compito perchè bisognerà pensare ora alla terza misura prevista dal Bando, relativa alla capitalizzazione o ricapitalizzazione delle imprese, per la quale sono in avanzata fase di svolgimento i lavori del tavolo tecnico, avviato l’estate scorsa per il superamento degli ostacoli tecnico-strutturali emersi in passato. In questo caso di tratta di 70 pratiche peer un importo di tre milioni 700 mila euro.