Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 881
RAGUSA - 04/10/2013
Attualità - I sindacati hanno incontrato il commissario straordinario, Giovanni Scarso

Stipendi Cui, la Provincia ha dato. Parola del commissario

Giovanni Scarso contesta le cifre diffuse dai sindacati. "Avrei dovuto liquidare soltanto i 24mi del contributo stabilito nel bilancio triennale dell’Ente che prevede 150 mila euro per ogni anno, invece, quando i dipendenti a giugno si sono presentati in Provincia sono andato oltre liquidando l’ultima ‘trance’ del contributo 2013"

Il commissario straordinario della Provincia Giovanni Scarso contesta le cifre diffuse dal sindacato in merito ai pagamenti dell´ente a favore dei dipendenti del Consorzio Universitario Ibleo, Cui. Scarso sente di avere fatto il suo dovere fino in fondo e di andare oltre.

"Ho mantenuto fede gli impegni assunti dice Scarso - Prima firmando l’accordo convenzione con l’Università per il mantenimento della Struttura Didattica Speciale di Lingue e poi rispettando l’impegno finanziario di 150 mila euro, chiaro a tutti e dichiarato in tutte le sedi, per il Consorzio. Nonostante da tempo predico che i costi del Consorzio non sono più sopportabili nessuna decisione è stata assunta ma alla Provincia non si possono ‘caricare’ somme che non hanno alcuna rispondenza nei documenti finanziari dell’Ente. Spero che sia chiaro una buona volta per tutte».

L´incontro con i sindacati

I dipendenti del Consorzio Universitario Ibleo, Cui, bussano alle porte della provincia. Due stipendi arretrati sono stati già pagati grazie all´accredito di 150 mila euro da parte del Comune. Ora sotto pressione è la Provincia che deve versare 420 mila euro per il 2012 alle casse del Cui. Questo il conto presentato dalla delegazione sindacale che ha incontrato il commissario Giovanni Scarso che ha allargato le braccia e consigliato alla delegazione di rivolgersi direttamente al presidente della regione, Rosario Crocetta.

La Provincia non ha un solo per il Cui e deve innanzitutto pensare ai suoi dipendenti. Questo mese scade inoltre la seconda rata del contributo di provincia e comune, si tratta di 50 mila euro per palazzo dell´Aquila e 260 mila per l´ente di viale del Fante. La quota minore per il comune è dovuta al recupero del credito vantato per il fitto dei locali messi a disposizione dell´Università.


vecchio carrozzone senza benzina
04/10/2013 | 16.40.57
vi. erre

Ma nessuno si accorge che il CORSORZIO UNIVERSITARIO, simbolo di una politica, stile prima repubblica, è ormai insostenibile per i tempi in cui viviamo???????
BASTA con quest´ente, Basta con questo BUCO NERO di fondi pubblici: se è possibile salvare la facoltà di lingue, salviamola, e forse l´unico modo per salvarla è liberarsi di questa zavorra.