Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1456
RAGUSA - 26/09/2013
Attualità - Riunione in sede di Commissione ambiente all’Ars per trovare una soluzione

Passaggio a livello via Paestum: se ne parla a Palermo

Presenti anche il Cub Trasporti ed i rappresentanti del Comitato "No muro"

Una delegazione guidata dal sindaco Federico Piccitto parlerà del passaggio a livello di viaa Paestum in sede di commissione Ambiente all´Ars. Della delegazione fanno parte i rappresentanti del comitato "No muro", del Cub Trasporti, e l´assessore ai Lavori Pubblici, Stefania Campo. Sarà presente anche Trenitalia che è direttamente interessata ad una questione che ha infiammato il dibattito politico e coinvolto tanti cittadini che non vogliono la chiusura del passaggio a livello. La questione è molto delicata perchè la chiusura del passaggio a livello con l´innalzamento di un muro taglierebbe in due la città obbligando ad un giro tortuoso e complicato un quartiere dove risiedono circa venti mila abitanti e metterebbe in crisi molti esercii commerciali.

Bisognerà tuttavia convincere le Ferrovie che bisogna provvedere a rendere il passaggio a livello più sicuro con sistemi ed automatismi moderni utilizzando la tecnologia a disposizione. La chiusura sembra la strada più facile e diretta per risolvere il problema dell´attraversamento dei treni, solo quattro coppie nell´intera giornata, ma fa a pugni con la vivibilità e le ragioni degli abitanti.

Il sindaco Piccitto perorerà la causa e chiederà alle Ferrovie un investimento ma non è detto che la proposta vada in porto perchè le Ferrovie sono forti di un protocollo sottoscritto nel 1966. La questione è ormai arrivata al dunque dopo che ci sono stati numerosi incontri tra cui uno in prefettura che ha rinviato la soluzione del caso alla nuova amministrazione. E toccherà al sindaco Federico Piccitto far valere le ragioni della città