Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 661
RAGUSA - 25/09/2013
Attualità - Il 29 settembre il settimo appuntamento per dirigenti aclisti

Seminario Acli dedicato alle nuove povertà

Sarà presente il neo presidente nazionale Gianni Bottalico. Il presidente provinciale uscente Rosario Cavallo: «Ci soffermeremo sugli aspetti legati al disagio e alle nuove povertà nell’era della globalizzazione
Foto CorrierediRagusa.it

Preoccupa l’aumento della povertà assoluta, per dimensione, con un incremento di circa un terzo dell’incidenza rispetto al 2011, e per intensità, aggravando la forbice delle diseguaglianze. Sono i dati Istat relativi al 2012 ad attestare un significativo peggioramento, segno che la crisi colpisce i ceti lavoratori, estende il numero dei lavoratori poveri ed amplia la categoria delle persone e delle famiglie in povertà assoluta. Questi gli spunti che faranno da traccia al settimo seminario di formazione per dirigenti Acli in programma domenica 29 settembre a partire dalle 9 a Villa Di Pasquale a Ragusa. Per la prima volta, dopo la sua elezione, ci sarà la presenza del presidente nazionale Gianni Bottalico.

«Nell’ambito di quello che è ormai diventato per noi un appuntamento irrinunciabile – afferma il presidente provinciale uscente delle Acli di Ragusa, Rosario Cavallo (foto) (sabato 28 settembre, alle 16,30, ci sarà la riunione del Consiglio provinciale Acli, alla presenza di Bottalico, per l’elezione dei nuovi vertici) – ci sarà una presenza autorevole e importante che ci consentirà di soffermarci sugli aspetti legati al disagio e alle nuove povertà nell’era della globalizzazione, facendoci valutare con attenzione considerazioni e percorsi di partecipazione sociale. La presenza di Bottalico a Ragusa è un segnale di estrema importanza per confermare quanto le Acli hanno rilevato tra i contribuenti che si rivolgono al proprio Caf, così come abbiamo avuto modo di segnalare nel Rapporto Acli sui redditi di lavoratori e famiglie: e cioè che i redditi dichiarati nel quadriennio 2009–2012 risultano in calo a livello complessivo (-1,08%) e in particolare quelli da lavoro dipendente (-3,12%). La situazione peggiore è per le famiglie con il capofamiglia disoccupato. Si registra un aumento della povertà assoluta anche tra impiegati e dirigenti, e addirittura tra le famiglie che dispongono di redditi da lavoro e di pensione. L’immagine disegnata da queste cifre è quella di una realtà, che non esclude purtroppo la nostra provincia, unita nella povertà e nell’impoverimento delle famiglie».

Per Cavallo, seguendo le linee della presidenza nazionale, la ricetta per evitare il disastro è una soltanto. «Occorre – dice il presidente provinciale delle Acli – frenare la perdita di posti di lavoro, attraverso un piano industriale capace di rilanciare la produzione e di valorizzare le professionalità, ed occorre intervenire sul piano fiscale con nuove detrazioni per dare ossigeno alla capacità di spesa delle famiglie, prima che i numeri del disagio sociale, ed in particolare quelli relativi alla povertà assoluta, risultino ingestibili politicamente e per sbloccare la dinamica dei consumi, a cui sono appese le possibilità di ripresa».