Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1074
RAGUSA - 06/09/2013
Attualità - La scuola scalda i motori in previsione dell’inizio del nuovo anno

Ultimi scampoli di vacanze, tra poco suona la campanella

I numeri dicono intanto di una popolazione che sfiora quasi i 50mila alunni

Ultimi giorni di vacanza per docenti, personale ed alunni. La scuola scalda i motori in previsione dell´inizio del nuovo anno che scatta giovedì 12 ma che ogni singolo istituto, grazie all´autonomia, può far slittare di qualche giorno pur se dovrà assicurare un minimo di 200 giorni di lezione. Al Centro servizi amministrativi, Csa, personale e funzionari sono impegnati per le assegnazioni delle cattedre, la nomina dei titolari e dei supplenti in modo da far partire con regolarità le lezioni. I numeri dicono intanto di una popolazione che sfiora quasi i 50mila alunni, 49.843 soggetti per la precisione, suddivise per le diverse fasce dell´istruzione. Quella più numerosa, come ormai avviene da qualche anno, si registra negli istituti superiori della provincia che conta su 15.905 studenti; subito dopo, per numero la scuola primaria 15.476, quindi la secondaria di primo grado con 10.417 e la scuola dell´infanzia con 8.045 a conferma che anche in provincia si nasce poco. Uno dei dati che preoccupano le famiglie ed i sindacati è il rapporto tra docenti di sostegno e soggetti portatori di handicap.

I tagli al personale hanno infatti determinato, anche quest´anno, un rapporto alto soprattutto per quegli alunni portatori di un handicap grave ed il cui rapporto con il docente di sostegno dovrebbe essere di 1 a 1. Dei 1030 portatori di handicap i docenti di sostegno sono 536 con un rapporto di quasi uno a due. Alle superiori per esempio ci sono 156 posti di sostegno ma ben 303 portatori con handicap grave che per legge avrebbero bisogno di un insegnante ciascuno. Su questo tasto battono i sindacati che hanno chiesto al direttore regionale di incrementare la dotazione dei docenti di sostegno in provincia.