Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 670
RAGUSA - 04/09/2013
Attualità - La manifestazione si tiene per tre giorni dal 13 al 15

Al via la 18ma edizione Autogiro della provincia iblea

Su iniziativa del Veteran Car Club Ibleo con la partecipazione di numerosi appassionati provenienti da tutte le regioni italiane Foto Corrierediragusa.it

Giunge quest´anno alla 18ma edizione l´Autogiro della provincia di Ragusa. Da venerdì 13 a domenica 15 le strade dell’area iblea vedranno sfrecciare i bolidi e le utilitarie che hanno contrassegnato le diverse epoche della storia dell’automobile. Le tre giornate, infatti, saranno caratterizzate dalla manifestazione internazionale di regolarità per auto storiche. Sono già settanta gli equipaggi che hanno fornito la loro adesione. Le novità di quest’anno sono legate alla partecipazione per la prima volta di numerosi appassionati provenienti dal Nord Italia. Segno che le otto «Manovella d’oro» ottenute dal Veteran Car Club Ibleo, il riconoscimento concesso ogni anno dalla rivista italiana più prestigiosa di auto storiche, l’ultimo giusto lo scorso anno, è diventato un prestigioso biglietto da visita per tutti coloro che intendono immergersi nell’atmosfera dell’area iblea.

Il Veteran è stato fondato il 6 febbraio del 1991 su iniziativa di un gruppo di appassionati. E’ riconosciuto dall’Automotoclub storico italiano e continua a portare avanti la propria scommessa, quella della valorizzazione dei veicoli d’epoca mediante raduni, manifestazioni di regolarità e mostre, in maniera ineccepibile. Da Ragusa a Punta Secca, dalla fascia costiera all’entroterra dell’area iblea, l’Autogiro si propone di far ammirare agli equipaggi provenienti da varie parti dell’isola la bellezza e le peculiarità di un territorio, quello ragusano, che, da qualche tempo ormai, viene giustamente celebrato in tutto il mondo.