Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1054
RAGUSA - 04/08/2013
Attualità - Conclusa la 19esima rassegna alla presenza di 3 mila persone

La fiction Montalbano infiamma i Ragusani nel Mondo

Sul palco il regista della fortunata fiction Alberto Sironi, Roberto Nobile e Marcello Perracchio. Sasà Salvaggio ha reso frizzante la serata. Non è mancato l’aspetto economico e sociale con la presenza dei vertici di Soaco e Sac, Rosario Dibennardo e Enzo Tavernici e della Camera di Commercio Sebastiano Gurrieri. Aeroporto avanti tutta... e presto arriveranno i turchi
Foto CorrierediRagusa.it

Tremila in piazza e 3 mila via web. In tanti sono stati stimati gli spettatori che hanno assistito alla 19esima premiazione della rassegna Ragusani nel Mondo organizzata dal direttore dell’Associazione Sebastiano D’Angelo e sostenuta dal presidente Franco Antoci. «Tra immense difficoltà economiche- ribadisce D’Angelo alla presenza del sindaco Federico Piccitto- dal quale mi aspetto che dal prossimo anno dia prova di sostegno concreto se si vuole che questa rassegna continui a essere il vanto della provincia e, sottolineo, della città capoluogo Ragusa».

Il lavoro di D’Angelo finisce il 3 agosto e comincia il 4, con la ricerca di altri personaggi nati in provincia ma affermatisi al Nord oppure all’estero. Un lavoro immane che richiede pazienza e tanta organizzazione. Ma anche tanti soldi, perché un minimo di gratificazione economica agli artisti che arrivano per arricchirlo di prestigio e professionalità deve essere riconosciuta.

La serata è stata presentata dal giornalista Salvo Falcone e dalla bellissima Fiorella Migliore, miss Italia nel mondo 2008, tra l’altro di origini iblee, la manifestazione ha voluto assegnare in questa edizione cinque premi a cui sono stati abbinati quattro premi speciali e due alla carriera. I cinque premiati sono stati l’attrice Valeria Solarino, di origini modicane, la ritrattista Anna Minardo, di origini ragusane, arrivava dall’Australia, Gaspare Di Caro, luminografo di origini comisane, arrivava dal Brasile, Giovanna Biondi, acconciatrice di origini vittoriesi, arrivava dal Lussemburgo, Giovanni Occhipinti, geofisico di origini ragusane, arrivava dalla Francia. Si sono via via alternati sul palco per ricevere dalle autorità presenti e dagli sponsor vip sia la pergamena con le motivazioni che un piccolo globo ideato da Grankio Design oltre a buonissime tavolette di cioccolato modicano con speciale incarto offerte dal Consorzio di Tutela.

Nel corso della serata sono stati assegnati anche quattro premi speciali. Il più atteso è stato quello dedicato alla fortunatissima fiction de «Il commissario Montalbano» con protagonista Luca Zingaretti. Il premio è stato ritirato dal regista Alberto Sironi (nella foto mentre riceve il premio da Franco Antoci) che ha sottolineato la bellezza dei luoghi divenuti set della celebre fiction. All’interno di questo segmento della manifestazione c’è stato spazio anche per consegnare due premi alla carriera andati a due attori iblei, Roberto Nobile e Marcello Perracchio, tra l’altro entrambi attori pure nella fiction televisiva. Sempre per i premi speciali, riconoscimenti al film documentario Terramatta, con l’intervento della produttrice Chiara Ottaviano che lanciato anche il progetto www.archiviodegliiblei.it, ad Aylen Maranges, miss Italia nel mondo 2012, che vive ad Ispica alla ricerca delle sue origini siciliane, e ultimo premio all’Ibleo Social Club di Melbourne che quest’anno compie 40 anni di attività e che è stato rappresentato dal suo presidente Roberto Cilia. Tra le autorità presenti che sono intervenuti dal palco, anche il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, il commissario straordinario della Provincia, Giovanni Scarso (quest’ultimo rispondendo alla sollecitazione del premiato Giovanni Occhipinti, ha offerto delle rassicurazioni sul futuro dell’Università iblea), il commissario straordinario della Camera di Commercio, Sebastiano Gurrieri, (l’unico ente che ha offerto un patrocinio), il prefetto Annunziato Vardè, il vescovo Paolo Urso, il console onorario della Tuchia in Sicilia, Domenico Romeo.

Il premio, che ha visto la presenza dei parlamentari eletti nelle circoscrizioni estere, Francesco Giacobbe, Fucsia Nissoli, Mario Caruso, si è voluto soffermare sul trasporto aereo alla luce della recentissima apertura dell’aeroporto di Comiso che, come è stato spiegato dal presidente Sac, Enzo Taverniti e dal presidente Soaco, Rosario Dibennardo, farà sistema con l’aeroporto di Catania andando a prevedere nuove rotte verso importanti destinazioni. E in tal senso si è registrato anche l’interesse della Turkish Airlines, una tra le più importanti compagnie aeree al mondo rappresentata a Ragusa dalla direttrice di Roma Yurdagul Altinoz, sponsor del premio e pronta ad attivare dei voli internazionali. Sempre dalla Turchia presente il tour operator Alì Onaran, interessato ad realizzare dei propri investimenti in terra iblea.

Ricchissimo il cast della serata che ha visto l’apertura in musica con il coro Mariele Ventre di Ragusa diretto dalla maestra Giovanna Guastella ed ancora la colonna sonora di tutta la serata realizzata dalla Peppe Arezzo Orchestra, l’esibizione della band Onorata Società che ha presentato l’album «Medicina popolare», il bel canto con un medley di varie operetta con il soprano Consuelo Gilardoni e il tenore Andrea Binetti nell’ambito del gemellaggio con Trieste, l’esibizione di Giuseppe Cascone, prima tromba al San Carlo di Napoli e il divertente cabaret di Sasà Salvaggio.

Contributi speciali, durante la cerimonia di premiazione, sono stati dedicati al remake in chiave teatrale del film «Divorzio all’Italina» messo in scena con la regia di Ruben Ricca, del film «Italo» dedicato al cane mascotte di Scicli (presente la produttrice Roberta Trovato di Arà), ed ancora il film tutto ibleo «Revolver». Non è mancato un momento dedicato allo sport con un saluto a Raffaele Gurrieri, pilota automobilistico che ha avuto grande successo in Coppa Italia, un ricordo in versi da parte del pittore Franco Cilia in omaggio alla memoria di Mimì Arezzo, la presentazione del libro fotografico di Delia Flaccavento e la presentazione delle attività dell’associazione Heritage Sicilia con Ignazio Calogero. In piazza a seguire la 19esima edizione, quest’anno con la durata record di circa 4 ore, c’erano più o meno 3000 persone. Un numero simile è quello dei contatti ottenuto in tutto il mondo (in particolare da Canada, Stati Uniti, Argentina, ma anche dall’Australia) per la diretta streaming curata da Radio Franco e rilanciata sul sito internet www.ragusaninelmondo.it e che ha permesso a tutti i ragusani nel mondo di essere idealmente presenti in piazza. Da domani il premio sarà trasmesso in numerose emittenti televisive siciliane.