Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 773
RAGUSA - 02/10/2007
Attualità - La giunta presieduta da Salvatore Cuffaro ha stoppato le attività estrattive in tutta l’Isola

Tocca all´Ars tramutare
in legge il Ddl contro
le trivellazioni

Intanto il Cga si pronuncia favorevolmente sulla necessità della valutazione d’impatto ambientale anche per le trivellazioni. Lettera del presidente del Movimento Azzurro Salvatore Rando Foto Corrierediragusa.it

E´ adesso corsa contro il tempo per tramutare in legge il Ddl approvato lunedì sera dalla giunta regionale presieduta da Salvatore Cuffaro, prima che le società petrolifere titolari delle concessioni avviino l´attività estrattiva che, di conseguenza, non potrù poi essere bloccata.

Spetta all´Assemblea regionale siciliana adesso bruciare le tappe, altrimenti il Ddl rischia di risultare vano. Anche il sindaco di Modica Piero Torchi confida in una certa celerità da parte dell´Ars, prima che le le cosietà petrolifere, con in testa la Panther Eureka, abbia il tempo di perfezionare le contromosse avviando subito quelle attività estrattive di ricerca a fini scientifici degli idrocarburi liquidi e gassosi. Proprio la Panther Eureka ha già annunciato l´avvio di azioni legali.

Il Ddl vieta le trivellazioni e ogni nuova attività estrattiva e di raffinazione sull’intero territorio regionale, comprese le isole minori, introducendo in pratica il divieto di concedere permessi di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi in tutta la Sicilia.

Il divieto è efficace anche nei casi in cui sono già stati rilasciati o comunque ottenuti i permessi e le concessioni per le trivellazioni. Restano escluse dal divieto le attività estrattive già in esercizio. Da qui la necessità che l´Ars velocizzi i tempi per tramutare il Ddl in legge.

Intanto anche il Consiglio di Giustizia amministrativo ha ribaltato la precedente sentenza del Tar, pronunciandosi favorevolmente sulla necessità della valutazione d´impatto ambientale, rilasciata dai competenti uffici dell´assessorato regionale al territorio ed ambiente, anche per le attrività estrattive.

Tempi duri quindi per la Panther Eureka, sebbene il suo presidente Jim Smitherman aveva specificato che "le attività estrattive nella provincia iblea sono da intendersi a scopi scientifici e per la prevalente ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi". Una spiegazione che aveva riscosso il plauso dei sindaci di Ragusa, Monterosso, Chiaramonte e Giarratana, oltre che dei sindacati (con la riserva di una selezione delle concessioni), dell´Asi, Assindustria e Confindustria.

L´approvazione del disegno di legge era stata resa nota dall´assessore regionale all´Industria, Giovanna Candura, secondo cui "finalmente si fa chiarezza in un settore controverso e dibattuto come quello in questione".

"La battaglia politica di Alleanza Nazionale per uno sviluppo sostenibile ha avuto successo, anche se si tratta di un disegno di legge che va addirittura oltre da quanto da noi auspicato". Dice il coordinatore regionale di An, Giuseppe Scalia. "Trovo eccessivo - chiarisce poi il coordinatore di An - il blocco totale operato stamane dal Governo regionale alla ricerca di gas e idrocaburi in Sicilia, il testo del governo andrà sicuramente integrato al nostro ddl ´Pogliese´, che riordina in maniera chiara il settore della ricerca degli idrocarburi nelle aree ad alto interesse culturale, ambientale e paesaggistico".

"I due testi - conclude Scalia - potranno trovare convergenze nel percorso legislativo nelle commissioni competenti in modo da rendere più rapido l´iter legislativo di approvazione della legge di riordino del settore e di approvare a breve scadenza il disegno di legge, al fine di consentire agli assessorati competenti di provvedere agli atti consequenziali".


RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE LA LETTERA APERTA SULL´ARGOMENTO TRIVELLAZIONI SCRITTA DAL PRESIDENTE DEL MOVIMENTO AZZURRO ECOSEZIONE "CONTEA DI MODICA" SALVATORE RANDO

Il cow-boy texano Smitherman della Panther Eureka, venuto a Ragusa ospite dai SI triv, sindaci, sindacati, ASI, Confindustria, ha spiegato che salvaguarderà il territorio patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, utilizza trivelle di tipo «Barocco» interviene con la chirurgia estetica del territorio, così come viene utilizzata nelle guerre da parte degli americani la cosiddetta «chirurgia distruttiva» degli obiettivi nei Paesi degli altri, ha assicurato che non perforerà in piazza San Giovanni e nel Duomo di San Giorgio ad Ibla. Ha ringraziato gli amici e polemizzato con i NO triv sindaci compresi. Ha detto che è un affare (per loro) per il territorio in termini di royalties, ha invitato il Governatore Cuffaro ad autorizzare le perforazioni. Il Governatore giustamente deve dire la sua è ha già detto: non autorizzerò le perforazioni in Val di Noto, presenterò un disegno di legge è seguirà una corsia preferenziale per l’approvazione.

Gli astanti hanno dimenticato di far rilevare al texano e all’opinione pubblica come, da oltre 50 anni il sottosuolo ibleo è stato sfruttato senza che i cittadini abbiano beneficiato dalla rapina delle risorse del petrolio. Il prezzo della benzina si paga da noi come nel resto d’Italia tranne qualche eccezione Friuli, Veneto, Val d’Aosta dove lì non c’è traccia di petrolio però hanno dei buoni annuali per l’acquisto della benzina a costi ridotti. Da noi invece, tranne qualche fortunato deputato eletto, cavalcando la defiscalizzazione, di pagare allora, si diceva 1.000 lire il litro la benzina, fu archiviata. Le nostre coste, con il petrolio hanno «guadagnato» oltre al danno anche le beffe che il via vai delle petroliere che lavano le stive nel nostro mare e inquinano le nostre spiagge o NO?

La storia del gas gli somiglia molto in termini di beffa per i cittadini. Si dice dei posti di lavoro. Giusto durante le perforazioni sarà data l’opportunità di lavoro per qualche centinaio di persone e poi a lavoro finito in quei due metri quadri dove esce un tubo e qualche saracinesca che fanno i lavoratori i guardiani dei pozzi? Dovranno cercare altrove il lavoro? Perché non si parla di numeri e di benefici che dovrebbero ricadere nelle tasche dei cittadini e non spiegano il business dell’affare con grande chiarezza e trasparenza? Gli americani sono abituati a sfruttare le risorse degli Stati altrui, accumulano e salvaguardano nel proprio territorio le riserve che saranno utili in tempi di carestia. Lasciamo nel sottosuolo le riserve per utilizzarli anche noi in caso di bisogno? Si parla tanto d’energia eco compatibile, energia eolica, energia solare ecc. Anche qui è arrivato il momento di fare chiarezza con la possibilità di impiantare nei territori che non hanno nulla da tutelare né cave né colline né paesaggi, di investire senza pregiudicare le scelte altrui. Un referendum disse no all’energia nucleare, oggi l’Italia importa dalla Francia energia elettrica prodotta da centrali atomiche. Se sei a Torino e guardi verso Ovest, vedi le centrali che producono energia e nessuno si preoccupa se un incidente possa contaminare l’Italia così com’è avvenuto nel passato a molte migliaia di chilometri del nostro Paese. Dalle due l’una o le centrali sono sicure e allora perché non ripensare alle centrali da costruire in Italia o se sono pericolose devono essere bandite da tutto il territorio della Comunità europea.

Il Distretto Culturale del SUD/EST ha scelto un modello di sviluppo condiviso dove non solo le bellezze paesaggistiche, monumentali, culturali, agricole hanno grande valore e devono essere tutelati e non devastati, anche l’albero di carrubo fa parte del barocco, i muri a secco hanno la loro storia e devono essere tutelati. Chi non condivide un percorso strategico e libero di fare ciò che vuole nel proprio territorio. Il Sindaco di Ragusa ed altri suoi colleghi preferiscono altro? Buon viaggio, non perdano tempo a disquisire la posizione dei Sindaci No triv e dei cittadini che vi aderiscono. E’ arrivato il momento di abolire anche le province regionali e dare concretamente inizio alla cooperazione tra comuni che condividono lo stesso modello di sviluppo distrettuale. Rispetto dell’ambiente, la salvaguardia dei tesori di una terra impareggiabile, invidiata dal mondo intero, dovrà trovare la propria ricchezza da offrire agli altri che non hanno la nostra stessa fortuna. Questa è la scelta del Distretto del SUD/EST.

Il Presidente della Regione Salvatore Cuffaro