Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 423
RAGUSA - 12/07/2013
Attualità - La somma di 200 mila euro grazie al fondo comunitario

Integrazione: finanziati 2 progetti in provincia

Soddisfazione del prefetto Annunziato Vardè per l’attenzione rivolta alla provincia

Due progetti finalizzati all´integrazione di cittadini extracomunitari sono stati finanziati in provincia grazie a risorse comunitarie. Si tratta in tutto di 200 mila euro che serviranno a mettere in moto il progetto " I tetti colorati" e "Sviluppo di percorsi di salute e percorsi di integrazione".

«I Tetti Colorati» nasce da una fattiva intesa, maturata nell’ambito del «gruppo di progettazione» del Consiglio territoriale per l’immigrazione, tra la capofila -Fondazione «San Giovanni Battista» - il Comune di Vittoria ed il Consorzio «La Città Solidale» che hanno voluto lavorare insieme, coordinandosi per favorire l’inserimento sociale dei cittadini extracomunitari regolari con un attenzione particolarmente mirata al superamento delle problematiche abitative, considerato fattore primario della costruzione di un condiviso processo di integrazione. Oltre ai partners di progetto le azioni si avvarranno di una consolidata ed articolata rete di enti pubblici e privati, associazioni di categoria e realtà del privato sociale.

L’altro progetto finanziato, denominato «Sviluppo di percorsi di salute e percorsi di integrazione» interessa il territorio per un terzo, sviluppandosi anche su Catania e Messina, ed è stato presentato dall’Organizzazione Non Governativa «Emergency Onlus». Le azioni previste sono incentrate sulle tematiche sanitarie, prevedendo interventi volti alla facilitazione dell’accesso alle strutture sanitarie, all’avvicinamento degli utenti ai centri di erogazione dei servizi sanitaria anche in considerazione della frequente marginalità abitativa dei migranti.

Il prefetto Annunziato Vardè, che ha coordinato il lavoro preparatorio, si è detto soddisfatto dal momento che i progetti finanziati su tutto il territorio nazionale sono solo 85 a fronte di ben 873 presentati e che solo 6 riguardano la Regione Sicilia. Ciò fa emergere il dato, fortemente significante, dell’attenzione riconnessa al territorio che, grazie al lavoro di rete, costruito con la volonta’ e l’impegno comune della compagine istituzionale e socio economica della provincia, e’ riuscito ad attrarre risorse anche su fondi estremamente esigui ed a competere validamente con realtà territoriali più estese, soprattutto del nord Italia, che vantano indici di permanenza della presenza straniera molto elevati.