Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 835
RAGUSA - 21/06/2013
Attualità - Non bastano le due autobotti comunali a fronteggiare le richieste

Con l´arrivo dell´estate ancora emergenza acqua a Ragusa

In via Ramelli e dintorni si soffre e così anche a Bruscè e Cisternazzi

Chi pensava che l´emergenza idrica fosse conclusa dopo la riapertura dei pozzi B e B1 si è sbagliato. Sono stati cinque mesi difficili per un terzo della città ed alla fine tutto si è risolto con l´acquisto del generatore di biossido di cloro. Ad inizio stagione estiva si pone invece un problema di insufficienza di acqua in altre zone della città tanto da indurre i residenti a costituirsi in un gruppo denominato "Noi senza acqua". Si tratta di abitazione ubicate in via Ramelli e dintorni e per quanto riguarda le zone rurali Bruscè e Cisternazzi. Le autobotti, ma sono solo due, hanno cominciato a fare la spola con via Ramelli e dintorni ma le forniture sono insufficienti

Il Comune non ha i soldi per riparare le altre autobotti, nella disponibilità dell´ente di corso Italia, che sono guaste e quelle funzionanti devono garantire la copertura idrica di tutte le zone che ricadono nel perimetro urbano e che non sono coperte da rete idrica e, in caso di necessità, devono garantire anche la fornitura di quegli utenti che avanzano richiesta al Comune, nel momento in cui scarseggia la loro fornitura di acqua.

"Il problema è ricominciato, puntuale come ogni anno, - dice Massimo, residente in via Ramelli - appena inizia l´estate. E ci aspettano due mesi di inferno". Anche nelle contrade di acqua comincia a vedersene poca perchè il flusso è insufficiente e la destinazione è destinata a protrarsi per l´estate.