Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1191
RAGUSA - 18/06/2013
Attualità - Organizzata dalla associazione "Familiari del Clero" operante in provincia dal 1975

La Diocesi ragusana ha festeggiato 18 sacerdoti

E’ stato mons. Carmelo Ferraro, vescovo emerito di Agrigento, a presiedere la speciale cerimonia religiosa concelebrata da tutti gli altri sacerdoti che sono stati «festeggiati» Foto Corrierediragusa.it

Il vescovo e tutta la diocesi hanno festeggiato diciotto sacerdoti (nella foto)che sono arrivati al 75anno di età ed anche oltre. L’iniziativa si è tenuta presso la casa di riposo «Maria Schininà» ed è stata voluta dall’associazione «Familiari del clero» che opera dall’aprile del 1975 e che, periodicamente, promuove iniziative che mirano a fare comprendere in maniera piena, nella luce della fede, l’identità della propria missione. E’ stata una cerimonia semplice, una festa diocesana dei sacerdoti, così l’hanno voluto chiamare i promotori, per celebrare coloro che quest’anno compiono 75 anni di età e anche oltre. Un momento di comunione per la Chiesa diocesana come ha avuto modo di rimarcare il vescovo mons. Paolo Urso durante il saluto iniziale.

E’ stato mons. Carmelo Ferraro, vescovo emerito di Agrigento, a presiedere la speciale cerimonia religiosa concelebrata da tutti gli altri sacerdoti che sono stati «festeggiati». Si tratta di: Giuseppe Barbera, Giovanni Battaglia, Vito Bentivegna, Girolamo Bongiorno, Giuseppe Calì, Andrea Cascone, Giovanni Cavalieri, Giuseppe Cintolo, Carmelo Donzella, Giorgio Guastella, Luigi La Rosa, Carmelo Leggio, Giovambattista Macca, Giovanni Meli, Salvatore Mercorillo, Giovanni Pluchino e Francesco Vicino. Una festa, con la presenza di altri sacerdoti che hanno raccolto all’invito dell’associazione «Familiari del clero», che ha assunto ancora una dimensione più intima, oltre che spirituale, per la presenza di decine e decine di familiari che hanno voluto condividere con i propri congiunti consacrati questa particolare iniziativa.