Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1166
RAGUSA - 28/05/2013
Attualità - Riunione operativa in Prefettura tra i rappresentanti di tutte le Forze dell’ordine

Gruppo Interforze per arginare i furti di rame

La fase operativa in provincia sarà seguita da un tavolo tecnico coordinato dal Questore al quale saranno chiamati a partecipare – unitamente alle Forze dell’Ordine Territoriali – la Capitaneria di Porto, la Polizia Stradale, il Corpo Forestale e le Polizie Locali

Un gruppo Interforze per contrastare il fenomeno dei furti di rame in provincia. Il metallo risulta tra i più appetibili e numerosi sono stati i furti negli ultimi mesi in tutto il territorio provinciale con danni rilevanti non solo per il valore intrinseco del materiale ma anche per i disservizi che lo smantellamento di linee elettriche e telefoniche comporta per le aziende e per tutti i servizi dislocati sul territorio.

Il fenomeno è diffuso soprattutto nella aree industriali e presso insediamenti aziendali con più alta concentrazione. Una seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto Vardè e al quale hanno preso parte - oltre ai Vertici provinciali delle Forze dell’Ordine - il rappresentante della Agenzia delle Dogane ed i responsabili di Enel, di Telecom Italia e di Rete Ferroviaria Italiana, è stata dedicata al problema. Nell’occasione il Prefetto ha focalizzato l’attenzione dei presenti sulla iniziativa, denominata Action Day – promossa dall´Agenzia Anticrimine dell´Unione Europea - che si svolgerà in contemporanea in diversi Stati dell’Unione dedicata al tema della prevenzione e del contrasto del furto dei metalli.

La fase operativa in provincia sarà seguita da un tavolo tecnico coordinato dal Questore al quale saranno chiamati a partecipare – unitamente alle Forze dell’Ordine Territoriali – la Capitaneria di Porto, la Polizia Stradale, il Corpo Forestale e le Polizie Locali. In particolare, sono stati disposti specifici servizi di vigilanza e di controllo del territorio nelle aree di questa provincia maggiormente esposte al fenomeno.